Controllare l’olio motore: come e perché farlo

Come fare un controllo e come sostituire l'olio motore. Perché e quando farlo? Per ottenere i massimi benefici è importante affidarsi a Shell Helix Ultra con PurePlus Technology.

da , il

    Controllare l’olio motore: come e perché farlo

    Troppo spesso gli automobilisti tendono a sottovalutare un certo tipo di manutenzione della proprio auto. Fra gli errori più comuni: non controllare, ed eventualmente sostituire, l’olio motore.

    E’ questa però una dimenticanza che può avere importati impatti sul veicolo: un livello errato di olio può causare gravi danni al motore, quindi è importante che venga controllato regolarmente e non solo in occasione dei tagliandi, soprattutto considerando che si tratta di un’operazione davvero molto facile, che richiede pochi minuti. Inoltre è bene avere sempre a portata di mano (in garage e, in caso di viaggi più lunghi, anche in auto) una bottiglia di olio da 1 litro circa, in modo da essere sempre pronti a fare un rabbocco di lubrificante nel caso fosse necessario.

    Controllare il livello dell’olio motore: come fare

    Per prima cosa è necessario scegliere l’olio motore adatto alla propria auto, non tutti i lubrificanti sono uguali e offrono le stesse prestazioni. E’ sbagliato fare una scelta dell’olio casuale o in base al prezzo.

    SHell

    Detto questo vediamo ora come controllare praticamente l’olio motore della propria auto. Prima di tutto è necessario assicurarsi che l’automobile sia parcheggiata in piano, con il freno a mano tirato e il motore spento. Successivamente bisogna aprire il cofano, con una levetta situata solitamente sotto il cruscotto vicino ai pedali. Ci sono cofani con pistoncini idraulici, che mantengono il cofano stesso aperto senza alcun supporto aggiuntivo, mentre molto spesso è necessario puntellarlo con il suo sostegno, per poter agire in tutta sicurezza. Se l’auto è appena stata usata, meglio evitare di toccare il motore caldo e attendere qualche minuto affinché l’olio si stabilizzi.

    Asta controllo olio motore

    Dopo aver indossato dei guanti protettivi, bisogna tirare fuori l’asta di livello dell’olio (la si vede spuntare dal blocco motore, si riconosce dall’estremità ad anello, tipicamente di colore acceso). Bisogna pulirla con un fazzoletto di carta e rimetterla al suo posto per alcuni secondi, poi toglierla di nuovo per esaminare il livello dell’olio.

    Livello olio motore

    Il livello dell’olio deve essere compreso fra la tacca del minimo e la tacca del massimo presenti sull’asta di livello: se non è fra queste due tacche (ma è tendente al minimo) può essere necessario un rabbocco. Se, invece, il livello risulta essere superiore alla tacca del massimo, è bene rivolgersi ad un meccanico per una sostituzione dell’olio.

    Shell 2

    Per fare un rabbocco dell’olio bisogna prima di tutto togliere il tappo di riempimento (quello con il simbolo dell’olio appunto) e versarci dentro il liquido, preferibilmente usando un imbuto. La scala graduata sulla bottiglia indicherà quanto olio è stato usato. Successivamente sarà bene ripetere il controllo del livello di olio per essere certi che non sia necessario un altro rabbocco. Alla fine di tutto è necessario assicurarsi di aver chiuso bene l’asta di livello e il tappo di riempimento.

    Se il livello dell’olio è al di sotto della tacca del minimo, bisognerà controllare quanti chilometri sono stati percorsi dall’ultimo cambio olio. In questo caso per evitare errori è bene consultate il libretto di istruzioni per l’intervallo di cambio olio raccomandato: se sono stati percorsi oltre 15000 km, è consigliabile un cambio olio completo. Se i chilometri percorsi sono compresi tra 4000 e 15000, sarà necessario fare solo un rabbocco. Se i chilometri percorsi sono meno di 4000 e il livello dell’olio è basso, può esserci un problema tecnico. In questo caso è bene effettuare un primo rabbocco e poi controllarne il livello ogni settimana, oppure rivolgersi all’officina più vicina per ulteriori consigli. E’ anche importante far caso al colore: se nell’olio sono infatti presenti macchioline bianche potrebbe significare che il refrigerante si sta mischiando con l’olio motore a causa di un guasto, in questi casi è necessario far controllare la propria auto.

    Una corretta manutenzione dell’olio, ricordiamo, è l’ideale per mantenere in ottimo stato il motore della propria auto specialmente se si ha intenzione di tenerla a lungo o se ha già parecchi km sulle spalle.

    Per ottenere i massimi benefici è importante affidarsi a prodotti di alta qualità e di ultima generazione, come ad esempio Shell Helix Ultra con PurePlus Technology

    Shell Helix Ultra con PurePlus Technology

    Shell Helix Ultra con PurePlus Technology è l’ultimo nato nella famiglia di lubrificanti a marchio Shell. L’azienda investe oltre 1 miliardo di dollari in ricerca e sviluppo, più di ogni altra compagnia internazionale operante nel settore oil&gas, e si avvale delle competenze di oltre 45.000 tra tecnici e ingegneri, dislocati nei centri Shell Global Solutions in tutto il mondo, laboratori all’avanguardia dove vengono sviluppate tecnologie e formulazioni esclusive.

    Shell Helix Ultra con tecnologia PurePlus è l’olio motore più innovativo e avanzato di sempre in casa Shell: la combinazione unica della tecnologia Shell PurePlus (si tratta di un processo che converte il gas naturale in un olio base sintetico cristallino, sostanzialmente privo delle impurità presenti nel greggio e destinato ai lubrificanti sintetici premium) e della tecnologia di Pulizia attiva consente a Shell Helix Ultra di fornire livelli di pulizia e protezione ancora più elevati. Questo nuovo lubrificante risponde perfettamente alle ultime specifiche di settore e ha ricevuto l’approvazione delle principali case automobilistiche. Tra i vantaggi si possono citare:

    - Maggiore pulizia;

    - Maggiore risparmio di carburante dovuto alla riduzione dell’attrito e alla minore resistenza al pompaggio derivata dall’ottimale viscosità alle basse temperature;

    - Minore usura del motore grazie alla viscosità ottimale garantita anche a temperature estreme;

    - Minore corrosione del motore;

    - Diminuzione del consumo di olio grazie alla minore volatilità dell’olio base che consente di ridurre i rabbocchi.

    Una vera rivoluzione nel mondo degli oli motore!