Corsi di guida: Subaru Driving School, un giorno a Franciacorta [FOTO]

Scopriamo i corsi di guida della Subaru Driving School. Promozione e opportunità per imparare il completo controllo della vettura

da , il

    Una giornata in compagnia dei corsi di guida della Subaru Driving School all’autodromo di Franciacorta, per scoprire un modo differente di proporre i prodotti al pubblico. Lo confermano proprio le parole di Takashi Yamada, presidente e amministratore delegato di Subaru Italia: “Noi crediamo molto in questo progetto come trait d’union tra azienda e cliente“. La Subaru Driving School è una scuola di pilotaggio nata nel 2016. Nel suo primo anno di attività si è occupata soprattutto di tenere corsi di guida alla rete di vendita Subaru. Perché la peculiarità di questa scuola è proprio questa: non solo corsi di guida per appassionati e persone che vogliono migliorare le proprie capacità al volante, ma un servizio di vero e proprio avvicinamento del mondo Subaru e le sue eccellenti vetture ai potenziali acquirenti: da una parte impartendo al personale di vendita una competenza specifica superiore riguardo al prodotto; dall’altra offrendo ai potenziali clienti la possibilità di provare direttamente le macchine in una situazione di gran lunga più interessante di un breve test drive dal concessionario; il lato promozionale si estende al supporto di eventi del marchio e alla gestione dei club di appassionati, i “Subaru 4 Fun”, organizzando avventure verso nuove strade e nuove destinazioni. Quindi la SDS diventa un vero e proprio ambasciatore del brand Subaru.

    LA SDS – I CORSI DI GUIDA SUBARU DRIVING SCHOOL IN DETTAGLIO

    corsi di guida Subaru Driving School

    Quindi qual è lo scopo della Subaru Driving School? Utilizziamo le parole di Andrea Placani, direttore relazioni esterne di Subaru Italia: “L’obiettivo della SDS non è quello di essere una scuola specifica per le auto da corsa, né concentrarsi su insegnare ai guidatori come raggiungere record di velocità sulle piste. La sua filosofia è invece dare una risposta alle persone che vogliono imparare ad avere un controllo completo dei veicoli che guidano, in ogni situazione e condizione ambientale”.

    Allora snoccioliamo qualche cifra. La SDS, il cui direttore è il rallysta Gianluca Caldani, lavora con quasi tutta la gamma delle Pleiadi: il suo parco auto è composto da 3 Subaru WRX STI, 2 Subaru XV, 2 Subaru Forester, 1 Subaru Outback e 1 Subaru Levorg. L’equipaggiamento tecnologico si compone di varie strumentazioni per telemetria, camera car, rilevatori GPS, telecamere e un drone. A ciò si aggiungono le attrezzature specifiche per l’offroad, quindi rampe omologate. Per quanto riguarda invece gli esercizi di controllo della sbandata, la SDS utilizza il sistema EasyDrift. Una volta si usavano i carrelli da applicare alle ruote posteriori, però questi hanno diverse limitazioni. L’EasyDrift invece è un anello di materiale speciale a base teflon che riveste direttamente la ruota, rendendola sdrucciolevole senza però modificare la dinamica del veicolo.

    La Subaru Driving School è itinerante. I suoi corsi si appoggiano a tre circuiti in differenti zone d’Italia: Franciacorta (BS), Siena e Castelletto di Branduzzo (PV). Vengono svolti corsi di guida sicura, guida sportiva, guida neve e ghiaccio e guida cross country. Per i prezzi e maggiori informazioni consultare il sito web della scuola, all’indirizzo www.sds-subarudrivingschool.it.

    UNA GIORNATA A FRANCIACORTA CON LA SUBARU DRIVING SCHOOL

    corsi di guida Subaru Driving School

    Non scopriamo certo noi i corsi di guida, risalgono agli albori degli anni Sessanta. C’è sempre una costante innegabile, tuttavia; non importa quanta esperienza si possa avere, quanti anni di patente, quanti chilometri percorsi, quanto buon senso si applichi in strada: siamo pieni di idee sbagliate che ci fanno guidare male. A volte è colpa di un’impostazione scellerata delle autoscuole, sempre più organismi burocratici; molte altre invece è solo colpa nostra, perché crediamo di saper guidare in base a quello che ci dicono parenti e amici, i quali a loro volta hanno ricevuto nozioni sbagliate. Crediamo di saper guidare perché possediamo chissà quale “istinto” che ci siamo autoattribuiti tramite la nostra stessa vanità; crediamo di saper guidare perché abbiamo visto uno stupido film al cinema o in televisione; crediamo di saper guidare perché abbiamo i soldi per comprare un’auto potente e perché siamo abbastanza arroganti da tagliare la strada agli altri automobilisti. Crediamo di saper guidare perché davanti alla televisione la Formula 1 non sembra poi così difficile, i piloti sono lì solo perché hanno gli sponsor; crediamo di saper guidare perché una volta abbiamo fatto un buon tempo sulla Playstation, con gli aiuti inseriti.

    Fino al momento in cui un vero pilota, seduto al nostro fianco, in due parole ci mostra quanto tutto ciò sia falso. Sbagliamo fin dal momento in cui ci siediamo in macchina, scambiando il sedile per una sedia a sdraio e il volante per un frisbee. Freniamo in modo filosofico e sterziamo a caso, cambiamo marcia seguendo le fasi lunari e scambiamo i trasferimenti di carico per le posizioni delle valigie nel bagagliaio. Anche quando guidiamo in modo quasi decente, ci sono ancora mille dettagli che ignoriamo ma che possono letteralmente trasformare la nostra esperienza in auto, rendendola più sicura, comoda, rilassante e anche maledettamente divertente.

    Arriviamo al corso di guida sportiva. Gli istruttori della Subaru Driving School, piloti veri formatisi in anni di competizioni, sono molto diretti. Osservandoci mentre siamo al volante della favolosa Subaru WRX STI per qualche giro in pista, già alla prima staccata e al primo ingresso in curva hanno capito quali siano i nostri difetti, grazie alla loro competenza ed esperienza. E ci dicono subito, senza mezzi termini, dove stiamo sbagliando e perché. A metà giro cominciano a dirci quali sono invece le cose giuste da fare. Pochi secondi, tagliamo il traguardo, secondo giro e si è aperto un mondo diverso. Quasi senza rendercene conto la frenata è un’altra cosa, entrando in curva non ci siamo scomposti e siamo usciti veloci e puliti (veloci proprio perché puliti), ovviamente rispetto ai nostri umili standard. E non sono passati neanche due minuti. Impressionante. Grazie, Guido. Lui sa perché.

    Passiamo alla sbandata. Chiamarla drifting fa scena e vederla controllare dai piloti è spettacolare, sembra quasi facile. Sembra e basta. Se però colleghiamo il cervello e pensiamo ad una situazione reale, ad un imprevisto su strada, magari bagnata, in mezzo ad altri veicoli che ci sfrecciano attorno, aggiungendo anche moto, biciclette e pedoni, ecco che esplode tutta la drammaticità della situazione, di un imminente incidente dalle conseguenze potenzialmente catastrofiche.

    Ma qui ci troviamo in una situazione controllata, in un’area sicura e chiusa. Siamo qui per imparare. Applicando due anelli EasyDrift alle ruote posteriori la Subaru XV, un’auto dall’elevata sicurezza attiva e passiva, diventa un oggetto scorbutico che si gira in continuazione. L’obiettivo è proprio quello: provocare intenzionalmente la sbandata, per capire quali sono le reazioni fisiche della macchina, per vedere l’effetto che fa senza andare a sbattere, e per apprendere le giuste manovre da applicare per controllare il veicolo, una cosa decisamente complessa. Quali sono? Frequentate il corso.

    La guida sicura consiste anche nel sapere correttamente a cosa servono e come agiscono i sempre più numerosi dispositivi elettronici che ci assistono nelle situazioni critiche. Siamo veramente sicuri di sapere cosa fa l’ABS? E il sistema di frenata automatica d’emergenza? Cosa accade quando entrano in funzione? Non possiamo aspettare di saperlo su strada, perché vorrebbe dire trovarsi in un incidente. In un corso di guida sicura come quello della Subaru Driving School, vengono spiegati e fatti provare anche tali dispositivi. La frenata sul bagnato con ABS e il tentativo di evitare un ostacolo possono rivelare qualche sorpresa.

    Subaru produce anche eccellenti SUV. Quale occasione migliore per saggiarne le potenzialità se non in un percorso offroad durante il corso cross country? Nonostante XV, Forester e Outback non siano dei veri veicoli da fuoristrada estremo, sono ben poche le cose che non riescono a fare. grazie alla trazione integrale permanente simmetrica e al differenziale centrale regolabile. Nella scuola SDS insegnano a manovrare con accortezza (il fuoristrada è il regno della delicatezza, nonostante le apparenze possano far pensare il contrario) i SUV, spiegando e facendo provare le diverse reazioni dei veicoli a seconda della presenza di aiuti elettronici o dei diversi tipi di trasmissione. Per godersi l’avventura nel cross country senza farla diventare un’avventura spiacevole.