Corso di guida sicura con Ford Driving Skills For Life 2014 [FOTO e VIDEO]

Si ripete l'iniziativa Ford Driving Skills For Life 2014, dopo l'entusiasmante riscontro dello scorso anno

da , il

    Corso di guida sicura con Ford Driving Skills For Life 2014

    Ford cala il full in campo di sicurezza. Sono stati cinque gli appuntamenti con Ford Driving Skills For Life per sensibilizzare i giovani in tema di guida responsabile, iniziativa che ha preso vita in Italia in via sperimentale l’anno scorso. Visto il successo dell’edizione passata non si poteva non ripetere. E così è stato: tre giornate a Roma (presso l’Autodromo ACI di Vallelunga) e due giornate a Milano (più precisamente sul circuito Quattroruote ASC di Vairano, a Pavia). Oltre 600 giovani, di età compresa tra i 18 e i 25 anni, hanno preso parte alle sessioni 2014 dei corsi gratuiti, facendo segnare un interessante aumento nelle adesioni, contando che l’edizione italiana del 2013 aveva toccato quota 500, rappresendando già un successo significativo all’epoca. Ma pensate che l’Ovale Blu è da 10 anni che porta avanti le Driving Skills negli USA, mentre dal 2013 c’è anche da noi e in altri quattro paesi europei (Francia, Germania, Regno Unito, Spagna).

    Per l’edizione 2014 Ford ha investito 2,3 milioni di euro, incrementati rispetto agli 1,5 milioni di euro del 2013, estendendo a due ulteriori paesi (Belgio e Romania) le attività di training. Ma al di là dei freddi numeri, Alla Guida ha partecipato insieme ai ragazzi alla Driving Skills per capire le sensazioni che si provano e le impressioni restituite dall’evento. Scopriamo insieme com’è andata!

    Sezione tecnica – Active City Stop

    Ford Active City Stop su B-Max

    La prima delle quattro sezioni in cui è articolata l’iniziativa è quella tecnica. In questa parte, grazie alla preparazione dei collaudatori Ford, è possibile conoscere alcuni aspetti più dettagliati della vettura, spesso sconosciuti all’automobilista medio. Si prende visione di tutti i parametri che contraddistinguono uno pneumatico, sensibilizzando i ragazzi sulla corretta manutenzione da fare alle gomme. La pressione scorretta può portare problemi di tenuta di strada, maggiore consumo ed usura irregolare della copertura stessa.

    Accanto alla parte “teorica”, c’è poi una prova pratica che permette di mettere alla prova il sistema di sicurezza attiva Ford Active City Stop, che equipaggia una Ford B-Max 1.0 EcoBoost. Un sensore rivela la presenza di un’auto davanti a noi e se il guidatore non interviene frenando, l’auto frena automaticamente fino a velocità di 20 km/h. Il sensore riconosce i catarifrangenti posteriori della vettura che ci precede, quindi non funziona con ogni genere di ostacolo, tanto per intenderci. Noi abbiamo fatto il test proprio a 20 km/h e funziona davvero bene: è l’ideale per evitare i piccoli tamponamenti in città dovuti alla distrazione.

    Sezione distrazione

    Ford Driving Skills For Life 2014 Distrazione

    Il nome potrebbe non essere particolarmente evocativo, però in questa parte si vuole mettere i ragazzi di fronte al pericolo che si corre distraendosi alla guida o, peggio ancora, guidando dopo aver bevuto. In che modo? In una parte ci si mette al volante di una Ford Fiesta e si fa un primo giro di un percorso ricavato con dei coni, che creano uno stretto sentiero largo circa due metri. Se si ha un po’ di dimestichezza alla guida non c’è nessun problema a districarsi tra le curve, mentre anche i più esperti avranno problemi al secondo giro. Il perchè è facilmente spiegabile se vi diciamo che al secondo passaggio l’istruttore vi distrarrà chiedendovi di inviare un SMS, oppure di cercare una stazione radio in particolare o altro ancora. Personalmente parlando non è stato facile!

    Chi non guida ha la possibilità di vestire una serie di accessori corporei, per così dire, che simuleranno lo stato d’ebbrezza. Una volta virtualmente ubriachi dovrete fare alcune attività apparentemente semplici e quotidiane, che vi faranno capire come l’alcol influisca negativamente sulle nostre capacità.

    Sezione handling

    Ford Driving Skills For Life 2014 Handling

    Nel terzo step si procede a qualcosa di più impegnativo. In pratica viene simulato il sovrasterzo della vettura, grazie al montaggio di due coperture in plastica liscia sopra alle gomme posteriori della Ford Fiesta EcoBoost. Il risultato è presto detto: a bassa velocità c’è ancora aderenza, ma basta dare un pochino più di gas o essere più bruschi con lo sterzo che si perde aderenza al posteriore. In tanti sono finiti in spettacolari testacoda, noi ci siamo divertiti a fare sbandate controllate. Molto divertente per noi, ma soprattutto educativo per i ragazzi, che possono prendere confidenza con una situazione potenzialmente molto pericolosa. Chi non guida può divertirsi mettendosi alla prova al simulatore di guida Gran Turismo 6.

    Sezione velocità

    Ford Driving Skills For Life 2014 Velocità

    Nell’ultima parte del corso si prende contatto con il pericolo collegato alla velocità, più o meno alta che sia. La prova pratica consiste in due test. Saliamo al volante della Ford Fiesta 1.4 GPL, regoliamo il sedile e ci posizioniamo all’inizio di un rettilineo. Ci fanno segno di partire e lo facciamo con una sonora sgommata, accelerando a tavoletta. Al fondo del rettilineo ci sono tre semafori rossi davanti ad altrettante corsie, mentre ai lati ci sono dei coni. Una volta finita la fila di coni, quello è il segnale che ci dice che dobbiamo inchiodare e dirigere l’auto all’interno della corsia il cui semaforo si è illuminato di verde. Il tutto in una frazione di secondo. Lo spazio non è molto, quindi arriviamo solo a tirare la seconda, con una velocità di circa 60/65 km/h. Nonostante tutto ci si accorge che evitare un ostacolo imprevisto, anche a velocità così contenute, non è proprio semplicissimo. Il tutto sotto l’aiuto vigile dei sistemi ABS (antibloccaggio dei freni) ed ESP (controllo elettronico della stabilità), che rendono più sicura l’operazione.

    La seconda fase si compone di una prova di frenata. Prima a 50 km/h e poi a 70 km/h, per mettere in evidenza la differenza di spazio richiesto per arrestare completamente il veicolo.

    Il feedback dei ragazzi è stato entusiasmante, e ben il 98% dei partecipanti ha dichiarato di essere riuscito ad acquisire una maggiore consapevolezza dei rischi alla guida e di aver apprezzato le modalità di apprendimento.