Motor Show Bologna 2016

Crisi dell’auto: “piange” anche Toyota

Crisi dell’auto: “piange” anche Toyota
da in Honda, Mondo auto, Toyota
Ultimo aggiornamento:

    Marchio_toyota

    La crisi dell’auto non sembra risparmiare proprio nessuno, neanche chi, come accaduto a Toyota, era riuscita a posizionarsi al primo posto quale produttore di auto al mondo.

    Eppure, neanche ciò ha consentito al celeberrimo marchio giapponese di sfuggire a quella grave crisi che sta investendo tutto il settore automotive. Il risultato è stato quello di dover assistere allo stop alla produzione per tre giorni consecutivi verificatisi il mese scorso e successivi undici giorni spalmati fra questo mese ed il prossimo in addirittura undici impianti giapponesi e con una filosofia tutta orientale, i vertici Toyota hanno richiesto alle maestranze di decidere essi stessi per una riduzione degli stipendi concedendo una temporanea “boccata di ossigeno “ all’azienda.

    Del resto le cifre parlano chiaro, le perdite del marchio Toyota sono state pari a un miliardo e 22 milioni di euro che hanno comportato pure l’allontanamento dell’amministratore delegato prontamente sostituito.


    Ad aggravare la crisi dell’auto del Sol Levante il cambio dello Yen rispetto alle altre monete, ne sa qualcosa anche Subaru che rinuncerà a vendere auto in Gran Bretagna perché, proprio a causa del cambio monetario ci perde di più esportando piuttosto che non facendolo.

    Al coro non si sottrae neanche Honda che vuol spostare gli stabilimenti in Corea se non riuscirà ad essere persuasiva a tal punto con il Governo centrale colpevole di non riuscire, a suo dire, a dare un assetto più equilibrato alla moneta nazionale.

    294

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN HondaMondo autoToyota

    Motor Show Bologna 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI