Dacia Sandero Stepway: prova su strada della 0.9 Turbo GPL 90 cavalli [FOTO]

Dacia Sandero Stepway: prova su strada della 0.9 Turbo GPL 90 cavalli [FOTO]
da in Auto 2015, Auto Ecologiche, Auto GPL, Auto nuove, Bifuel, Dacia, Dacia Sandero, Prove auto su strada
Ultimo aggiornamento:

    Questa volta per la nostra prova su strada ci siamo messi al volante della Dacia Sandero Stepway mossa dal Nuovo motore 0.9 TurboGPL da 90 cavalli di potenza massima, ovviamente di concezione Renault per testarne i consumi nel misto, l’insonorizzazione di bordo e la praticità in una vettura ideata per un’ampia nicchia di pubblico che non si accontenta di una “semplice” utilitaria, ma la vuole con l’aria un po’ da crossover.
    Questo tricilindrico prende così il posto del precedente 1.2 16V a Gpl da 75 cavalli e naturalmente debutta con omologazione Euro6 andando ad equipaggiare anche Sandero e Logan MCV.
    La versione da noi provata tra Milano e Pavia viene proposta in allestimento Prestige, il top di gamma, ad un prezzo di 12.400 Euro. Vediamo com’è andata.

    Dacia Sandero Stepway Turbo Gpl Bagagliaio

    Rispetto alla variante mossa dai propulsori benzina o diesel, la Stepway Turbo GPL non varia nelle dimensioni, tanto meno nella capacità di carico. Metro alla mano siamo innanzi ad una vettura lunga 4 metri e 8 centimetri, larga un metro e 76 per un metro e 62 centimetri di altezza con un bagagliaio che propone una capacità di 320 litri viaggiando con i cinque posti attivi ed arriva a toccare i 1200 litri abbattendo gli schienali posteriori. Da considerare che, sebbene ci sia il serbatoio del Gpl nella Sandero Stepway non peggiora lo spazio per i bagagli.

    Dacia Sandero Stepway Turbo Gpl motore

    Come già annunciato, questo inedito 0.9 Turbo Gpl va a prendere il posto del precedente 1.2 Gpl da 75 cavalli Euro5 aspirato ed il passo in avanti è davvero degno di nota. Il cambiamento sembra quasi esser radicale per via di un motore ora pronto sin dai bassi regimi, dai consumi contenuti e prestazioni che non deludono giacché non manca il brio in fase di sorpasso. Dacia dichiara che nel misto si arriva ad un consumo medio di 6,2 litri per 100 chilometri, dato tradotto in 16,1 chilometri con un litro, emettendo nell’ambiente 98 grammi di CO2 per km.
    Vogliamo confrontarlo con il precedente 1.2 da 75 cavalli rispetto a quanto già detto? Ebbene è stata maggiorata la potenza, la coppia ora è di 140 Newtonmetro sin da 2250 giri al minuto rispetto ai precedenti 105 Nm a 4250 giri/min. Se prima le emissioni erano di 120 grammi di CO2 per chilometro, ora il dato è considerevolmente sceso grazie anche all’adozione del sistema di Start&Stop disponibile di serie. Abbattimento anche per il dato dei consumi che prima parlava di una media di 7,5 litri per 100 km (13,3 km/l).
    Con il 0.9 Turbo Gpl la Sandero Stepway permette un viaggio di 516 chilometri viaggiando in Gpl, considerando che un pieno lo si fa con circa 18,24€ stando ai costi attuali del Gpl ed una volta terminata l’alimentazione a gas si percorrono altri 1020 chilometri in benzina: insomma, un totale di poco più di 1500 chilometri.

    Dacia Sandero Stepway Turbo Gpl prova su strada

    Appena ci mettiamo al volante della Sandero Stepway Turbo Gpl notiamo da subito che l’ambiente propone molto più dell’essenziale, è praticamente il top di gamma quella con cui percorriamo il tragitto per andare da Milano a Pavia. La variante Prestige presenta di serie anche i comandi al volante (a tre razze) per l’opzione cruise control di semplice intuizione, barre longitudinali sul tetto, cerchi in lega da 16 pollici di diametro, ESP, climatizzatore manuale e schermo touchscreen da 7 pollici Media Nav con molteplici funzioni tra cui navigatore satellitare, computer di bordo e connessione del proprio cellulare attraverso sistema Bluetooth o prese Aux/Usb se si preferisce ascoltare la propria musica. Per far spazio al Gpl è obbligatorio rinunciare alla ruota di scorta, c’è infatti il kit di gonfiaggio. Sono sicuramente scomodi i comandi per gli alzavetro elettrici, sia quelli anteriori che posteriori in quanto i primi sono collocati al di sotto della plancia assieme al comando di attivazione cruise control e bloccaggio dell’apertura dei finestrini, mentre gli altri si trovano tra i due sedili anteriori.
    Da una vettura che costa poco più di 10.000 Euro non si può certo pretendere il massimo del comfort, non ci piace la posizione di guida in quanto presenta un volante non regolabile in profondità ed inclinato in avanti come nella vecchia concezione Renault.
    Su strada il comportamento di Sandero Stepway si rivela tutt’altro che malvagio. Il motore purtroppo si fa sentire ma questo si sa poiché è un punto debole di tutti i tre cilindri mentre l’agilità in città è uno dei suoi punti di forza, tant’è che il diametro di sterzata è infatti ottimo e la manovrabilità è da vera citycar specialmente in fase di parcheggio. In autostrada si viaggia a 130 chilometri orari a circa 3500 giri/min e le sospensioni lavorano bene assorbendo senza problemi gli avvallamenti e le asperità dell’asfalto facendo rimanere inalterato il comfort di bordo. Si chiama Stepway? Quindi è la variante campagnola della Sandero? Bene…adoperiamola nel suo habitat, cioè quello di campagna, nello sconnesso insomma.

    E’ qui che Dacia Sandero Stepway ci mostra le sue doti quasi da crossover, un’alternativa valida se non ottima rispetto a vetture magari di segmento superiore e sicuramente di prezzo più elevato con prestazioni brillanti pari a quelle di un tradizionale motore a benzina visto che lo scatto da 0 a 100 km/h lo copre in circa 11 secondi, stando a quanto dichiara Dacia.

    Sappiamo ormai tutti che Dacia è uno dei brand più giovani nel mercato, ha all’attivo ben 3,6 milioni di vetture vendute in 10 anni di carriera in Europa e nel bacino Mediterraneo, tra cui 225.559 esemplari consegnati in Italia dal 2006. Le vetture Dacia si vendono in ben 44 Paesi e sono tre le fabbriche luoghi di produzione, due situate in Marocco ed una in Romania.
    In un periodo di crisi come questo Dacia ha avuto la meglio rispetto ad altri marchi per via del suo rapporto qualità/prezzo davvero eccellente poiché parliamo pur sempre di vetture che affidano la loro qualità a Renault, così come i motori e la componentistica con una gamma completa in quanto troviamo l’utilitaria Sandero con la variante “cross”, Logan MCV per coprire la fascia delle station-wagon, Dokker come multispazio, Lodgy per il segmento dei monovolume e Duster in qualità di fuoristrada.
    I dati di vendita del mese di Novembre 2015 vedono un positivo del 2,74% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso con un 46% delle immatricolazioni di Duster, 37% rappresentato da Sandero e Sandero Stepway, 7% da Dokker, 6% da Logan MCV e 4% da Lodgy. Generalmente la clientela Dacia è rappresentata per il 92% dai privati, mentre il rimanente 8% viene scelto dalle aziende/nolo. Il marchio franco-rumeno, giovane tra l’altro, ha fatto forza grazie ad aver conquistato il 95% della clientela, mentre il rimanente 5% è per fidelizzazione, ossia chi è rimasto in Dacia: vetture che propongono una garanzia di 3 anni o 100.000 chilometri.

    Questo innovativo propulsore Turbo 900 di cilindrata viene proposto su Sandero, Sandero Stepway e Logan MCV. Guardando i dati di vendite il cliente che sceglie Sandero rappresenta il 48%, mentre si orientano a Stepway il 52% della clientela tra cui il 40,4% si orienta sul Gpl, il 40,7% sul gasolio mentre il 18,9% sul benzina. Diverso il discorso per Logan MCV venduta per la maggiore con motori diesel (55,4%), seguono i Gpl col 38,9% delle vendite e chiudono i benzina con una percentuale di 5,7 punti.

    Le novità per il 2016? L’introduzione in listino di un cambio automatico, si tratta nello specifico di un robotizzato ad una frizione chiamato EasyAR. Novità per Duster con il debutto di un propulsore bifuel benzina/Gpl e cambio automatico anche per il fuoristrada ma in previsione per fine anno.

    Rispetto alle versioni a benzina, aumentano di 500 Euro quelle dotate di Turbo GPL. La nostra Sandero Stepway in prova infatti la troviamo in listino ad un prezzo di 12.400 Euro.

    Gpl:

    Dacia Sandero 0.9 TCe 90 cavalli Ambiance 9.500 Euro
    Dacia Sandero 0.9 TCe 90 cavalli Lauréate 10.700 Euro
    Dacia Sandero 0.9 TCe 90 cavalli Serie Speciale Gazzetta dello Sport 11.200 Euro
    Dacia Sandero Stepway 0.9 TCe 90 cavalli Prestige 12.400 Euro

    Dacia Logan MCV 0.9 TCe 90 cavalli Ambiance 10.500 Euro
    Dacia Logan MCV 0.9 TCe 90 cavalli Lauréate 11.700 Euro
    Dacia Logan MCV 0.9 TCe 90 cavalli Serie Speciale Gazzetta dello Sport 12.200 Euro

    PRO:

    RAPPORTO QUALITA’/PREZZO. E’ il punto di forza di Dacia questo fattore e con Sandero Stepway è ben messo in risalto, è infatti una vettura che propone davvero molto nel suo equipaggiamento con un prezzo contenuto.

    MOTORE. Questo nuovo 0.9 Turbo Gpl si guida davvero bene, è elastico, ha una ripresa ottima e propone la massima coppia a regimi modesti.

    DESIGN. Se pensate che le vetture Dacia siano ancora retrò nella linea potreste sbagliarvi. Certo non stiamo parlando di un’auto che punta nello stile ricercato ma lo stile cool c’è tutto.

    CONTRO:

    POSIZIONE DI GUIDA. La posizione del volante è ben scomoda, non lo si può infatti regolare in profondità ma solamente in altezza ed è inclinato in avanti come nella vecchia concezione Renault.

    COMANDI ALZAVETRO ELETTRICI. Questi comandi sono collocati in una posizione davvero scomoda, difficili da raggiungere guidando.

    SOGLIA DI CARICO. Per far posto ad un’altezza maggiorata e ad un paraurti rinforzato in pieno stile “cross”, si deve fare i conti con una soglia di carico ben alta che presenta altresì uno scalino tra il paraurti stesso ed il piano di carico: scomodo se si hanno pacchi pesanti.

    1781

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto 2015Auto EcologicheAuto GPLAuto nuoveBifuelDaciaDacia SanderoProve auto su strada Ultimo aggiornamento: Venerdì 18/12/2015 11:22
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI