Daihatsu Copen 2014: foto ufficiali e scheda tecnica della piccola roadster

Sono apparse le prime foto ufficiali della Nuova Daihatsu Copen 2014

da , il

    Sono arrivate le prime foto ufficiali anche se non di alta qualità ma permettono di stilare i primi giudizi sulla nuova generazione di Daihatsu Copen, la piccola roadster giapponese. E’ già da diverso tempo che la casa giapponese aveva in mente di proporre una nuova versione della vecchia Daihatsu Copen, che era stata lanciata sul mercato nel 2002, dodici anni fa quindi. Se siete appassionati della serie videoludica Gran Turismo o se siete particolarmente esperti del settore automobilistico, ve la ricorderete bene la Copen, una vettura davvero unica nel suo genere, capace di offrire i piaceri di una scoperta, ma in una vettura dalle dimensioni di una citycar. A sottolineare, ancora una volta, la volontà di realizzare una sostituta di questa vettura, l’azienda giapponese ha svelato l’inedita Daihatsu Copen Roadster Concept in un primo momento al Salone di Tokyo edizione 2013.

    La Copen riscopre la stessa filosofia della sua antenata, ma con un look attuale e con soluzioni all’avanguardia. Tanto per cominciare, le dimensioni restano ultra compatte: il prototipo vanta una lunghezza di appena 3.395 millimetri, una larghezza di soli 1.475 millimetri ed un’altezza di 1.275 mm. Il tetto è stato realizzato in metallo e si può aprire e chiudere a comando elettrico, proprio come sulle coupé-cabriolet di segmento superiore. Rispetto alla vecchia Copen, il nuovo modello punta meno sulla simpatia ma più sull’aggressività, parlando in termini stilistici. Il frontale si contraddistingue per i grossi gruppi ottici a forma triangolare, ma anche per la calandra centrale a forma trapezoidale. I fanali sono idealmente raccordati allo scudo paraurti da due elementi a sviluppo verticale, realizzati in metallo in parte cromato, in parte satinato.Le fiancate sono molto pulite, anche grazie all’assenza di maniglie, che però probabilmente ci saranno nella versione di serie. Grazioso anche il posteriore, che mostra la presenza di fanali dallo stile abbastanza moderno ed elaborato, nonchè accenti sportivi come doppio scarico cromato o finto estrattore d’aria. Una vera chicca riguarda la possibilità di scambiare completamente i pannelli esterni della carrozzeria.

    Gli interni hanno un aspetto abbastanza minimalista, ma sono allestiti in modo molto ricco: possiamo notare la presenza di fibra di carbonio e rivestimenti in pelle con cuciture a contrasto, che rendono davvero appaganti gli interni già a prima vista.

    La versione di serie è attesa sul mercato per l’anno prossimo, mentre si vocifera che il motore possa essere un tre cilindri da 0.66 litri 12V accoppiato ad una trasmissione CVT a variazione continua sette marce con paddles al volante (a richiesta) altrimenti con un manuale a cinque marce e 64 cavalli di potenza massima con 92 Nm di coppia. Stando sempre alla meccanica viene annunciata una trazione anteriore e non posteriore come magari qualcuno sperava.

    La capote rimane rigida e si passa dalla configurazione coupé a cabrio in appena 20 secondi.

    Tredici saranno le colorazioni disponibili per la carrozzeria, quindi ampia personalizzazione e la sua commercializzazione avverrà già quest’anno ma… non in Europa.