Daihatsu Mira elettrica: nuovo record

La Daihatsu Mira elettrica ha battuto un nuovo record

da , il

    Mira

    Daihatsu continua nella sperimentazione delle auto elettriche e raggiunge un nuovo incredibile record. Con lo studio condotto attraverso una delle piccole vetture della sua scuderia, la Mira, la casa giapponese ha voluto dimostrare, a tutto il mercato, i suoi notevoli progressi nel campo delle auto con emissioni nocive ridotte a zero. La Daihatsu Mira, meglio conosciuta da noi europei col nome di Daihatsu Cuore, perché introdotta nel nostro mercato già da qualche anno, ha raggiunto la considerevole distanza di mille chilometri con una sola ricarica delle sue batterie.

    Nel recente passato era stata sempre la Daihatsu Mira/Cuore ha raggiungere un grande risultato, percorrendo e superando i 555 chilometri con una sola ricarica. Adesso, a distanza di poco più di sei mesi, gli ingegneri giapponesi riescono ancora a stabilire un nuovo record mondiale: 1.000 km, appunto, di distanza percorsa. È impressionante constatare come, in così poco tempo, si sia migliorata l’autonomia di percorrenza della vetturetta del sol levante, che è riuscita quasi a doppiare la distanza precedente.

    Il nuovo primato è stato anche certificato dal Guinness World Records. L’auto è stata messa a punto, ancora una volta, dal Japan Electric Vehicle Club, lo stesso team della prima prova, ed ha percorso, per l’esattezza, 1.003,18 km. La prova è stata effettuata sulla pista di Ibaraki, a nord di Tokyo, mettendo alla guida dell’auto ben 17 piloti, alternativamente, coprendo la distanza in poco più di 27 ore, con una velocità media di circa 36,5 km/h.

    Il motore della piccola Daihatsu Mira è alimentato da un pack di batterie agli ioni di litio, di ben 360 chili di peso, contenente 8.320 celle, fornite dalla Sanyo Electric. Sono stati proprio i tecnici della Sanyo, una società controllata dalla casa madre Panasonic, ad avere fortemente voluto raccogliere la sfida, dimostrando gli enormi passi in avanti che hanno compiuto in solo sei mesi e dimostrando di possedere una tecnologia di tutto rispetto.