Decreto Bianchi: entrato nel vivo dopo l’approvazione alla Camera

Decreto Bianchi: entrato nel vivo dopo l’approvazione alla Camera

Neopatentati: scordatevi le auto di grossa cilindrata

    Approvato alla Camera il Decreto Bianchi entra nel vivo

    Eccolo qua, il Decreto Bianchi passato alla Camera e che prevede linea dura per i neopatentati, infatti, per chi ha la patente da meno di tre anni, niente moto con potenze superiori ai 34 cavalli e 25 Kw ed auto con potenze maggiori di 60Kw e 81,6 cavalli.

    Dunque, il giovane patentato che sceglierà una Fiat avrà il campo ristretto alla Panda e Punto con cilindrate minori, si scordino, coloro che hanno la patente da meno di tre anni, in virtù del provvedimento, marche quali Audi, BMW, Mercedes, Alfa Romeo. Il provvedimento Bianchi ci allinea a quasi tutti i Paesi del mondo, pertanto, meno polemiche e accettazione delle regole, le cose migliori da farsi.

    Ma in forza di tale decreto, i neopatentati che hanno commesso incidenti seri, o hanno subito la sospensione della patente entro i due mesi, dovrano subire una sorta di esame per rientrare in possesso del requisito di guida.

    Carcere anche per le infrazioni al Codice della Strada
    Entra il carcere fra le punizioni da applicarsi alla guida; esempio, rischia un anno di carcere chi guida senza patente e viene fermato due volte in due anni e gli viene contestata la violazione. Diventa operativa anche la sospensione della patente, da 1 a 3 mesi per chi guida col cellulare. Mentre per le Case automobilistiche vietato pubblicizzare le doti velocistiche di auto e moto nella pubblicità ai propri veicoli.

    Aumenta, invece, il bonus da 2 a 4 punti per chi in un anno non ha commesso incidenti.

    Queste le novità:

    Guida e telefonino
    Multa tra i 148 e i 594 euro, più sospensione della patente da uno a tre mesi. La sospensione scatterà per chi compie la stessa violazione nell’arco di due anni. Abolita la perdita di 5 punti sulla patente.

    Guida senza patente
    In caso di recidiva fino ad un anno di prigione e multa da 2 mila a 9 mila ero

    Motorini truccati
    Chiunque fabbricherà o venderà ciclomotori che superano il limite dei 45 chilometri all’ora rischia di pagare da 1000 a 4000 euro di sanzione amministrativa. Mentre chi li modifica successivamente dovrà pagare da 148 a 594 euro di multa.

    Pubblicità
    L’Authority per la concorrenza potrà decidere multe da 50 a 500 mila euro da infliggere a chi pubblicizza velocità e prestazioni. Somme che saranno destinate a finanziare iniziative di educazione stradale e campagne di informazione e prevenzione sulla sicurezza stradale.

    Omissione di soccorso
    Ora si rischia l’arresto da tre ad otto anni. Se c’è recidiva, la pena può salire fino a 10 anni. Aumenta anche la pena, sarà da 2 a 6 anni, attualmente è da 1 a 5, per l’omicidio colposo se chi ha investito una persona è ubriaco o drogato.

    537

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto NeopatentatiCodice della stradaMondo autoSicurezza Stradale

    Salone di Ginevra 2017

     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI