Decreto sulla Sicurezza Stradale: entriamo nel dettaglio

Decreto sulla Sicurezza Stradale: entriamo nel dettaglio
da in Associazioni Consumatori, Autovelox e Tutor, Mondo auto, Sicurezza Stradale
Ultimo aggiornamento:

    Nel dettaglio cosa prevede il Decreto sulla Sicurezza Stradale

    Ritornando sul Decreto Legge, in tema di Sicurezza della Strada, appena operativo, scendiamo nel dettaglio dei punti passati in rassegna dal Consiglio dei Ministri e dunque, approvati con effetto immediato. Insomma, da oggi, si cambia registro; ma vediamo, nel dettaglio, che cosa cambia:

    Guida in Stato di ebbrezza:
    Chi viene sorpreso alla guida di un’auto in stato di ebbrezza e il suo tasso alcolemico sarà compreso fra 0,5 e 0,8 grammi per litro, subisce una sanzione amministrativa che va dai 500 ai 2.000 euro a cui si aggiunge, l’arresto fino ad un mese e la sospensione della patente dai tre ai sei mesi.

    Chi, invece, viene sorpreso alla guida di un’auto con un tasso alcolemico compreso fra l’0,8 e l’1,5 grammi nel sangue, subisce una sanzione amministrativa che va da 800 a 3.200 euro, mentre l’arresto può giungere fino a 3 mesi e la sospensione della patente, da 1 fino ad un massimo di due anni.

    Qualora si venga sorpresi alla guida con un tasso alcolemico superiore all’1,5 grammi per litro, infine, la multa va da 1.500 a 6.000 euro, l’arresto fino a 6 mesi e la sospensione della patente da 1 a 2 anni.

    Come avevamo accennato, esistono le pene alternative che fanno ingresso nel Decreto approvato dal Consiglio dei Ministri, tale pene prevedono che il soggetto “arrestato” possa decidere di tramutare la pena, per tutta la sua durata, da quella detentiva ad alternativa, ovvero devoluta verso istituti che accolgono ricoverati rappresentati da vittime della strada e, in quella sede, il reo, svolgerebbe attività sociali.

    Col nuovo Decreto, viene introdotto il divieto di far uso di apparecchi radiotrasmittenti, si, dunque, al viva voce e auricolare, quando il conducente non debba ricorrere all’utilizzo delle mani per manovrarli.

    Guida senza patente: Per tale infrazione sono inasprite le pene, con multe che vanno dai 2.257 ai 9.032 euro.

    Superamento dei limiti di velocità:
    Le multe vanno da 370 a 1.458 euro, con la sospensione della patente da 3 a 6 mesi, per chi supera si 40-60Km/h il limite imposto in quel tratto di strada. Per chi supera anche i 60 orari, il limite imposto, si può giungere ad una sanzione che va dai 500 ai 2.000 euro, con sospensione della patente da 6 a 12 mesi.

    Inoltre, come annunciato, poiché il Decreto approvato non vuole essere solo repressivo ma anche basato sulla prevenzione, previste disposizione, per i gestori di locali notturni, con apposizione di cartelli con i tassi alcolemici a rischio e delle sanzioni in caso di loro trasgressione, così ha previsto il Ministro Bianchi.

    Anche questa volta si leva la voce Codacons, in riferimento a questo decreto:
    “E’ inutile aumentare le sanzioni e inasprire le pene per chi non rispetta le norme del Codice della strada, se prima non si incrementa la prevenzione affrontando così il problema alla radice – ha commentato il Presidente Codacons, Carlo Rienzi – Gli incidenti e i morti sulle strade non si riducono con provvedimenti repressivi, ma attraverso strumenti di prevenzione davvero efficaci come il Tutor, che nelle tratte sperimentate ha ridotto il numero di morti sulle strade del 40%”.

    592

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Associazioni ConsumatoriAutovelox e TutorMondo autoSicurezza Stradale
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI