Dodge Viper SRT V10 ACR-X: nata per la pista

Nel dubbio che venga interrotta la produzione della splendida Dodge Viper, quale miglior esorcismo se non quello di realizzarne una serie limitata prontopista? Ecco che il gruppo Chrysler presenta la Dodge Viper ACR-X, una versione pensata per le gare su pista forte di 640 cavalli

da , il

    Dodge Viper SRT V10 ACR-X: nata per la pista

    Nonostante un futuro incerto per la Dodge Viper, viene presentata in questi giorni una versione davvero estrema della supercar americana. Si tratta di una versione prontopista denominata Viper ACR-X, pensata per battagliare nei tanti campionati Pro-Am che vengono disputati sui circuiti statunitensi.

    Sviluppata sulla base della Viper SRT10 ACR la nuova serie limitata è stata concepita per l’uso sportivo, quindi non troveremo alcun orpello o gadget tecnologico. Hanno trovato invece spazio sedili e cinture di sicurezza da gara, rollbar, estintori e serbatoio speciale.

    Esteticamente la ACR-X cambia relativamente poco, si tratta inconfondibilmente di una Viper leggermente agghindata da appendici aerodinamiche più pronunciate o aggiuntive rispetto al modello standard. Non si tratta ovviamente di modifiche meramente estetiche, ma di accorgimenti per aumentare il carico aerodinamico e quindi la stabilità alle alte velocità. Rispetto alla ACR questa special è inoltre più leggera di circa 73 kg.

    Osservandola si nota immediatamente la taratura racing dell’assetto, effettivamente è stato installato un sistema di sospensioni adatto alla guida al limite e che consente alla Viper ACR-X di danzare leggiadra tra i cordoli di un circuito.

    Non poteva mancare di certo una ottimizzazione e un incremento delle prestazioni del colossale V10 da 8.4 litri di cilindrata. Con nuove testate e uno scarico davvero poco urbano, motorone americano eroga ben 640 cavalli.

    I primi test condotti sul celebre tracciato di Lagua Seca hanno avuto esiti sorprendenti, la Viper ACR-X ha fatto registrare un tempo sul giro di 1:31:00, ben 3 secondi in meno rispetto la ACR.