Donkervoort D8 GT, arriva…. l’olandesina

da , il

    donkervoort

    A Ginevra ci si va, presentando le proprie vetture, siano esse definitive o concept car, anche per stupire, come ha fatto l?olandese Donkervoort, con la sua D8 GT tetto rigido.

    L?azienda non è nuova nel settore, già, quasi 40 anni fa, si distinse per la creazione di modelli speciali, addirittura tanto potenti da insignire la Casa automobilistica quale migliore vettura in fatto di prestazioni, appena due anni fa con un veicolo similare a questo superando persino la blasonatissima Porsche con la sua 996 GT2R.

    La nuova versione della Donkervoort si caratterizza per via di un pianale più alleggerito rispetto al passato con una elasticità maggiore, un più ridotto peso e un allargamento degli assali, sia anteriori che posteriori, tutto ciò senza considerare il potenziamento dei freni i cui dischi sono stati aumentati nel diametro, così come fatto anche per le stesse sospensioni adattabili al percorso della vettura.

    Il risultato è un?auto interamente rinnovata, oltre che, come visto, nella meccanica anche nel telaio con una carrozzeria ultraleggera di appena 650 chilogrammi grazie alla fibra di carbonio che partecipa attivamente all?aumento di potenza per il ridotto peso complessivo e per l?adattamento aerodinamico e il limitato attrito con l?aria.

    I propulsori sono tutti turbo di costruzione Audi a 4 cilindri disponibili in tre potenze di 180,210 e 270 cavalli; per quanto strano, la particolare vettura verrà anche dotata di una versione stradale, fabbricata in un numero ridotto di esemplari, appena 50 all?anno e i prezzi non saranno inferiori ai 90.000 euro.