DR: non solo DR1 e DR2 nel 2011

da , il

    DR: non solo DR1 e DR2 nel 2011

    DR ha chiuso il 2010 in positivo, ma non è una novità. Sono numeri molto importanti che già si conoscevano. La casa automobilistica molisana di Massimo Di Risio ha venduto in Italia 5.000 vetture nel 2010 ottenendo un +112% rispetto al 2009 e il +240% tra dicembre 2010 e dicembre 2009. Di conseguenza il fatturato del Gruppo DR è ovviamente aumentato del 15%, mentre il mercato automobilistico nazionale subiva una flessione del 9%. Nell’anno appena concluso DR ha immatricolato 3153 DR1, 1728 DR5 e 95 DR2.

    Un successo davvero notevole che ha consentito all’azienda di inaugurare il reparto R&D e il nuovo impianto, con una rete distributiva che copre circa l’84% del territorio con 91 concessionarie e 110 centri assistenza. Nel 2011 invece dovrebbe iniziare l’esportazione verso altri Paesi europei, a cominciare dalla Spagna. La gamma sarà rinnovata con nuove versioni per i modelli DR1 e DR5. Questo dovrebbe probabilmente anche ricevere un restyling, essendo la prima vettura di DR ed è in vendita dal 2007. Al debutto anche due modelli inediti come la DR3, derivata dalla Chery A3 e la CityWagon derivata dalla Riich X1 che è la variante station wagon della DR1 e che potrebbe anche essere proposta nella versione tou terrain SportWagon.

    Tutti i modelli DR sono di origine cinese, la DR1 deriva dalla Riich M1, la DR2 dalla Chery A2 e la DR5 dalla Chery Tiggo. La più importante novità di DR per il 2011 dovrebbe però essere la tanto annunciata supercar che dovrebbe essere svelata al Top Marques di Montecarlo ad aprile. La supercar molisana dovrebbe essere la versione del modello DR Spirit, realizzato con altre due auto dagli studenti dello IED. La vettura di serie dovrebbe avere un motore V8 twin turbo da 750 CV.