NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Eicma 2013: Honda NC750S DCT 2014 [FOTO]

Eicma 2013: Honda NC750S DCT 2014 [FOTO]

Novità assoluta all'Eicma 2013

da in EICMA 2016, Honda Moto, Moto 2017, Moto Nuove, Salone Moto
Ultimo aggiornamento:

    Son trascorsi due anni da quando Honda presentò per la prima volta al pubblico la NC700S. Si trattava di una moto innovativa, quasi una scommessa, al punto da essere inclusa nella categoria “new concept”. Oggi quel modello è diventato una certezza. Non a caso la Honda ha deciso di dar vita ad una nuova variante presentata in questi giorni al salone milanese. Honda NC750S DCT. Questo è il nome della nuova arrivata nella casa dell’ala. Rispetto alla precedente versione è lampante l’aumento di cilindrata. Altre differenze, meno evidenti, si riscontrano nel baricentro (più basso), nella solidità del telaio e nei consumi ridotti. Da sottolineare, inoltre, la presenza dell’ABS di serie e del cambio sequenziale a doppia frizione Honda DCT.

    Motore

    Il nuovo motore bicilindrico pararello, 745 cc, con distribuzione monoalbero a 8 valvole e raffreddamento a liquido è venuto in essere grazie ad un aumento di 4 mm dell’alesaggio, mentre la corsa è rimasta pressochè identica (da 73x80mm a 77x80mm). Invariato anche il rapporto di compressione (10,7:1). Sostanziale l’aumento della potenza massima, che passa da 35 kW (48 CV) a 40,3 kW (55 CV)sempr e a 6.250 giri/min, e della coppia massima che passa da 60 Nm a 68 Nm a 4.750 giri/min. Tra le modifiche più consistenti va segnalato il nuovo impianto di scarico, costituito da un silenziatore nuovo di zecca, plasmato per “contenere” al meglio l’aumento di cilindrata.

    LO STAND HONDA ALL’EICMA 2013

    Cambio sequenziale

    Capitolo a parte merita il cambio sequenziale a doppia frizione Honda DCT, in quanto offre la possibilità di avvalersi del classico cambio manuale, oppure di due varianti automatiche. Il sistema è imperniato su due frizioni coassiali: una per la 1^, 3^ e 5^ marcia, e l’altra per 2^, 4^ e 6^. Preselezionando la marcia successiva mediante la frizione non in uso, il sistema è in grado di cambiare le marce in maniera istantanea e fluida, ma soprattutto senza interruzione dell’erogazione. La modalità automatica è basata su due funzionalità: Drive (D) per le andature turistiche e per uso cittadino o autostradale e Sport (S) per sprigionare ai massimi livelli la possenza del motore. In entrambi i casi è comunque possibile un intervento manuale del rider nella gestione dei rapporti.

    Ciclistica

    Il robusto telaio a diamante in tubi d’accaio è l’ideale per una naked del calibro della NC750S DCT. L’inclinazione del canotto di sterzo è pari a 27°, con un avancorsa di 110 mm che determina un interessa di 1525 mm.

    Il peso in regime di marcia e serbatoio pieno ammonta a 226 kg. Ribassata, come detto in precedenza, la sella (790 mm) al fine di rendere più confortevole la guida. La manovrabilità risulta essere altrettanto gradevole alla luce del baricentro basso e dell’angolo di sterzo di 35°. Il reparto sospensioni, con escursione di 120 mm, consta di una forcella telescopica con steli da 41 mm e di un monoammortizzatore, regolabile nel precarico molla, con leveraggi progressivi Pro-Link. Altro elemento degno di nota è l’impianto frenante con ABS a due canali di serie. I dischi hanno profilo “wave”. L’anteriore con diamtero di 320 mm e pinza a due pistoncini, mentre il posteriore con diametro di 240 e pinza a singolo. Completano il quadro i dati relativi ai cerchi in alluminio (17 x 3,5 pollici e 17x 4,50 pollici) su cui sono montati pneumatici ribassati sportivi nella misure di 120/70 ZR17 all’anteriore e 160/60 ZR17 al posteriore.

    595

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN EICMA 2016Honda MotoMoto 2017Moto NuoveSalone Moto
    PIÙ POPOLARI