Eicma 2013, le novità BMW: R1200RT e S1000R [FOTO]

Bmw sugli scudi in vista dell'Eicma 2013

da , il

    Bmw Motorrad si prepara a svelare al pubblico di appassionati i modelli di punta della gamma 2014. In occasione dell’Eicma 2013 la casa tedesca ha deciso di presentare diversi produzioni, tra cui due anteprime mondiali. L’attesa è spasmodica, sebbene non manchino le prime indiscrezioni. Aprirà le danze lo scooter elettrico Bmw C Evolution, seguito a ruota dalla BMW R 1200 GS Adventure e dalla BMW R nineT. Spazio anche per la R 1200 T e per l’attesissima Bmw S1000R. Oltre ai motoveicoli, il colosso teutonico presenterà due innovativi modelli di tuta in pelle, DoubleR ReceAir con D-Air Racing Protector, realizzate in collaborazione con Dainese.

    Bmw C Evolution

    Lo scooter elettrico Bmw C Evolution rappresenta una nuova frontiera della “urban mobility”. Dotato di un gruppo propulsore composto da un motore sincrono permanente raffreddato a liquido, da una cinghia dentata e un cambio a scatola planetaria, vanta una potenza nominale è di 11 kW (15 CV) mentre la potenza di picco raggiunge i 35 kW (47,5 CV). La velocità massima si attesta sui 120 km/h ed è limitata elettronicamente, a fronte di una autonomia di 100 km garantita da una batteria agli ioni di litio (tempo di caricamento di circa 4 ore).

    Bmw R 1200 GS Adventure

    Sul fronte enduro brilla nuovamente la stella della Bmw R 1200 GS Adventure. La moto in questione monta il caratteristico Boxer della R 1200 GS raffreddato ad aria ed acqua, con cilindrata di 1170 cm³ e potenza di 92 kW (125 CV), disponibile a 7750 g/min. La particolarità del propulsore consiste nel raffreddamento di precisione in cui l’olio è stato rimpiazzato dall’acqua comeliquido criogeno. Altra novità è rappresentata dal flusso verticale del liquido di raffreddamento attraverso il motore, e dal cambio a sei rapporti con frizione a bagno d’olio integrata nel basamento del propulsore. Il telaio è in acciaio a doppia trave ad elevata resistenza torsionale, elemento teso ad accrescere la sicurezza del mezzo al pari dell’ABS e del Controllo automatico della stabilità ASC (Automatic Stability Control).Inoltre l’optional “Modalità di guida Pro” consente di ordinare tre modalità di guida supplementari che mettono a disposizione le opzioni “Enduro ABS” ed “Enduro ASC” per l’esercizio fuoristrada.

    Bmw R 1200 RT

    Affine alla GS è la Bmw R 1200 RT. Il nuovo propulsore prende spunto dal motore Boxer della BMW R 1200 GS ed eroga 92 kW (125 CV) a 7750 g/min, raggiungendo il picco di coppia di 125 Nm a 6500 g/min. Il nuovo telaio della R 1200 RT è di tipo integrale e presenta un’ottima resa in relazione alle sollecitazioni. La R 1200 RT offre inoltre due modalità di guida (rain e road) ed il controllo di automatico della stabilità ASC per garantire un settaggio di precisione in base alle esigenze personali. Disponibile anche in questo caso l’optional “Modalità di guida Pro” . Un’altra novità mondiale fornita come optional è il cambio elettro assistito BMW Pro. Tale soluzione permette di salire di marcia o di scalare senza attivare la frizione o l’acceleratore.

    Bmw R nineT

    La Bmw R nineT è il prodotto di punta della casa tedesca quanto a roadster. Spicca l’utilizzo del già citato motore Boxer dalla cilindrata di 1170 cm³ con raffreddamento aria/olio. Il motore eroga 81 kW (110 CV) a 7750 g/min e sviluppa una coppia massima di 119 Nm a 6000 g/min. Il telaio in acciaio a doppia trave sviluppato appositamente, integra il propulsore come elemento portante. Il telaio del passeggero è smontabile e consente di guidare la nineT in solitaria o con annessa compagnia. Notevole anche l’adozione del doppio terminale di scarico in titanio Akrapovic, che esalto il profilo roadster della moto.

    Bmw S 1000 R

    Dulcis in fundo la nuova Bmw S 1000 R, per l’occasione equipaggiate con il quattro cilindri in linea da 999 cm3, riveduto e corretto, della “sorella” S 1000 RR. A tal proposito sono stati accresciuti l’andamento di coppie e di potenza nei regimi medio/bassi. Il tuto per ottenere una configurazione ideale sia per la guida giornaliera sia per l’uso sportivo sulle strade extraurbane. Il numero di giri massimo è stato ridotto di circa 2000 g/min. Il propulsore eroga 118 kW (160 CV) a 11000 g/min e sviluppa una coppiamassima di 112 Nm a 9250 g/min. Fino a 7500 g/min il motore eroga una coppia di 10 Newtonmetri superiore rispetto alla S 1000 RR e pertanto offre un comportamento scattante anche a regimi bassi su sentieri tortuosi. La ciclistica del quattro cilindri in linea è altrettanto innovativa. La base è costituita dall’affidabile telaio a doppia trave in lega leggera della S 1000 RR con il motore che funge da elemento portante. Le sospensioni anteriore e posteriore sono realizzate rispettivamente come forcella Upside-Down regolabile e doppio braccio con ammortizzatore unico centrale regolabile. Per finire, il confort di guida è garantito dal controllo automatico di stabilità ASC, Race-ABS, da due modalità dal DTC (controllo della trazione) come optional.