Energia: così in Italia si sciupa

Energia: così in Italia si sciupa
da in Mondo auto
Ultimo aggiornamento:

    E’ un vero peccato, in tempi in cui si cerca di riciclare tutto, nelle auto, il 30% dei loro componenti, che è rappresentato dalle plastiche, viene quasi disperso e spesso nell’ambiente, a differenza del 70% rappresentato da materiali ferrosi e metallici in genere che viene riciclato nelle ferriere disposte in tutta Italia capillarmente.

    Lo ha rivelato il mensile Quattroruote citando anche una proroga ad una Legge disattesa, col benestare delle Istituzioni e che sposta al 31 dicembre 2008 l’obbligo da parte delle ditte di demolizione di stoccare anche le plastiche e inviarle ad appositi centri per il riutilizzo, col risultato che, fino a quella data, posto che non vi siano ulteriori proroghe, le plastiche e similari finiscono in discarica in mezzo a rifiuti organici.

    A parte l’enorme danno che si arreca all’ambiente in questo modo, lo stoccaggio di questi materiali in discarica costa qualcosa quantificabile in circa 100 euro a tonnellata, cosa che potrebbe sicuramente essere evitata con l’utilizzo dei termovalorizzatori di cui, come si sa, gli italiani sembrerebbero “allergici”.

    Dunque, nel nostro Paese ci ritroviamo con montagne di plastica che non potendo essere bruciata negli appositi siti non ci consente di ottenere quella energia di cui abbiamo gran bisogno, lasciata sotto i raggi del sole e le intemperie in discarica, inquina, ci costa tanto smaltirla, come abbiamo visto e il quadro si fa sempre più preoccupante se solo si pensi che, proprio grazie agli incentivi per la rottamazione previsti dal Governo e dalla Finanziaria, solo quest’anno, invieremo alla rottamazione oltre 700.000 auto che rappresenteranno un’ulteriore montagna di rifiuti in plastica che andranno a peggiorare la già grave situazione.

    E’ così che vogliamo sanare l’ambiente e la nostra economia?

    293

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Mondo auto
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI