Energia solare: presto anche ai motori delle auto

Energia solare: presto anche ai motori delle auto

Lo si rileva assistendo alla ricerca compiuta da Frost&Sullivan, specializzate entrambe nella ricerca di soluzioni ecocompatibili che si preparano a sfruttare celle solari di terza generazione

da in Auto Ibride, Mondo auto
Ultimo aggiornamento:

    energia solare

    Pensando all’energia solare siamo soliti risalire ad essa ricordando i noti pannelli fotovoltaici che, soprattutto nel nord Europa, coprono i tetti delle abitazioni con grande risparmio energetico e minori costi per il loro utilizzo.

    Ma anche l’auto comincia a trarre beneficio da questa inedita tecnologia che sicuramente nel tempo potrebbe contribuire ad affrancarci in larga parte dal petrolio e dai suoi derivati, ma fino adesso, almeno per le automobili, tale tecnologia è solamente volta al risparmio energetico per quanto concerne l’utilizzo di accessori di bordo come, ad esempio, l’alimentazione dell’aria condizionata e poco altro. Eppure, l’Italia, con le sue coste e i suoi grandi territori assolati potrebbe trarre dal sole il “ nostro petrolio”, è giusto dunque che la stessa energia venga applicata ai motori, un ambito questo non del tutto lì da venire ma al quale si guarda con grande interesse.

    Lo si rileva assistendo alla ricerca compiuta da Frost&Sullivan, specializzate entrambe nella ricerca di soluzioni ecocompatibili che si preparano a sfruttare celle solari di terza generazione. E che non possiamo neanche immaginare di essere lontani dallo sfruttamento di questo tipo di inedita energia alternativa lo dimostra lo sviluppo crescente che stanno avendo oggi i motori ibridi, elettrici e presto ad idrogeno, ciò per significare che il confine fra il tramonto del classico motore termico verso quello alternativo si fa ogni giorno sempre più striminzito e lascerà, domani, sempre più spazio allo sviluppo di motori alimentati ad energia solare.

    Oltretutto, poiché il fine perseguito nella ricerca di motori alternativi non è solo volta all’affrancamento del greggio, quanto e soprattutto al raggiungimento dell’obiettivo principale che è quello di inquinare sempre meno fino ad azzerare le emissioni inquinanti, resta da capire se il motore elettrico, così come lo conosciamo oggi, sia davvero ad emissioni zero o se la quota inquinante è solamente spostata ed in effetti, basta vedere dove le ci si approvvigiona di elettricità per risalire un’altra volta al petrolio che alimenta le centrali termoelettriche e, dunque i vantaggi per il pianeta anche con un’auto elettrica pura, sono quanto mai limitati, se non nell’immediato. Ne consegue che se di motore elettrico dobbiamo parlare, dobbiamo al contempo immaginare una vettura che si alimenti di elettricità ricavata dall’energia solare.

    Ed in tale ambito assistiamo anche ad uno sviluppo in tal senso che prevede un superamento delle tradizionali celle solari a favore di nuove tecnologie che ottimizzino la resa energetica di tali sistemi che potrebbero essere applicato anche al settore automotive.

    “Le celle solari arriveranno presto a costare quanto le altre forme di energia di rete – spiega l’analista di Frost & Sullivan Roshan Devadoss -. La parita’ di rete si ottiene quando il costo dell’energia generata dalle celle solari equivale a quello generato usando il nucleare o gli idrocarburi. Una volta raggiunta questa parita’, le celle solari smetteranno di essere un maggior costo e porteranno alla creazione di soluzioni per le auto a basso prezzo”.

    Le case automobilistiche stanno investigando l’uso di tecnologie thin film gia’ in commercio per l’impiego nell’uso di tetti veicolari avanzati e hanno gia’ sviluppato prototipi. Le celle solari di terza generazione che sono oggi in fase di sviluppo saranno quasi certamente utilizzate all’interno del veicolo oltre che sul tetto, portiere e finestrini.

    615

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto IbrideMondo auto
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI