Salone di Parigi 2016

Esenzione bollo auto elettriche: addio al pagamento in Emilia Romagna

Esenzione bollo auto elettriche: addio al pagamento in Emilia Romagna

    Bollo Auto Esenzione

    L’esenzione dal bollo, una chimera, un sogno per tanti che odiano questa tassa di possesso, reputata per lo più ingiusta. Una spesa da fare ma che certamente in molti non vorrebbero fare. Ma oggi si aperto un nuovo orizzonte, infatti chi è il fortunato possessore di un’auto a zero impatto ambientale potrebbe usufruire dell’esenzione dal pagamento del bollo auto. Dal 1 Gennaio 2016 la Regione Emilia-Romagna ha avallato una legge regionale (numero 23 del 29 Dicembre 2015) che ha previsto proprio l’addio al pagamento di questa tassa per coloro che possiedono delle vetture green. Per onore di cronaca, si erano già allineate su questo versante anche la Regione Campania, Lazio e Veneto.

    L’Italia come sempre si è spaccata in due, grazie all’autonomia legislativa alcune regioni, come anticipato poco fa, si sono dotate di apposite leggi per eliminare il pagamento di questo odioso tributo. Ultima in ordine cronologico è stata proprio l’Emilia-Romagna, ma le altre Regioni dello Stivale chissà cosa faranno, se seguiranno le iniziative prese da queste virtuose Regioni. Nello specifico la legge regionale 23 del 29 Dicembre 2015 precisa che: il bollo “dovuto per il primo periodo fisso e per le due annualità successive” per tutti i “veicoli con alimentazione ibrida benzina-elettrica, inclusiva di alimentazione termica, o con alimentazione benzina-idrogeno” è esentato. Tutti coloro che possiedono un’auto a zero impatto ambientale, quindi, non dovrà pagare nulla per una nuova immatricolazione. Si tratta anche di un’iniziativa volta ad incentivare l’acquisto proprio di questa tipologia di vetture, anche per continuare nel rinnovamento del parco auto di queste zone. Chi ha guardato ancora più avanti ha previsto che l’esenzione si potesse estendere per ben cinque anni, una vera e propria manna dal cielo per i residenti delle regioni Puglia e Basilicata. Un’iniziativa che dovrebbe ampliarsi (forse) in tutto il paese attraverso una legge Nazionale.

    338

    Salone di Parigi 2016

    ARTICOLI CORRELATI