ESP: sempre più presente anche in Italia

Invece oggi le auto che montano l’ESP, sono quasi una su due e pensare che nel 2003 su cento auto vendute soltanto 14 detenevano tale dispositivo

da , il

    ESP

    Quando si cominciò a parlare di ESP, soprattutto nei primi anni del ventunesimo secolo, tale importantissimo dispositivo sembrava lontano da venire ed invece?

    Invece oggi le auto che montano l?ESP, sono quasi una su due e pensare che nel 2003 su cento auto vendute soltanto 14 detenevano tale dispositivo. Ma i miglioramenti in fatto di sicurezza stradale con l?istituzione dell?ESP non riguardano solo l?Italia ma tutta l?Europa, dove la penetrazione dell?ESP sul parco circolante delle auto è salito al 55% . Peccato che montano meno tale dispositivo le auto facenti parte del segmento A e B che pure ne avrebbero bisogno e che invece restano confinate in un misero 26% di tutto il circolante per le auto appartenenti a quel segmento.

    Eppure proprio in Italia si vendono un numero di city car e di piccole vetture superiore a tutto il resto d?Europa.”Bosch ha sempre creduto nell’importanza dell’ESP e siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti. Continueremo con la stessa intensità a seguire la strada intrapresa più di dieci anni fa”, dichiara Massimo Guarini, amministratore delegato di Bosch Italia. “Stiamo già lavorando alla prossima generazione del sistema ESP, ancora più performante e con una tecnologia più sofisticata. Nonostante ciò, l’aumento dei volumi produttivi ne farà scendere il costo, rendendo l’ESP ancora più conveniente soprattutto per i segmenti A e B”, conclude Guarini.