Etilometri irregolari: arriveranno i ricorsi

Etilometri irregolari: arriveranno i ricorsi

Alcuni etilometri sarebbero irregolari

da in Curiosità Auto, Mondo auto, Sicurezza Stradale
Ultimo aggiornamento:

    etilometri irregolari ricorsi

    Alcuni etilometri utilizzati dalle forze di polizia sarebbero irregolari. Sotto tiro un laboratorio di Milano, al quale vengono delegate le operazioni di verifica preliminare e periodica della regolarità dei dispositivi, prima di affidarli alla forze dell’ordine che devono utilizzarli. Questo a quanto pare non godeva di tutte le credenziali necessarie a effettuare i controlli come si deve. Quel che manca sono i requisiti giuridici attraverso i quali al laboratorio sono state concesse le autorizzazioni a operare.

    Per questo adesso sono a rischio tutte le sanzioni per guida in stato di ebbrezza elevate in base al Codice della Strada dagli organi di polizia che hanno utilizzato quegli etilometri dal gennaio 2010, da quando il laboratorio milanese è stato autorizzato a revisionarli. Il problema è legato alla regolarità delle procedure con cui è stata decentrata l’attività dell’unico laboratorio prima esistente, che era quello di Roma. Il decentramento, partito a gennaio 2010, si rese necessario per i tempi molto lunghi che erano necessari per sottoporre gli etilometri alle verifiche per poter operare. L’articolo 379 del Regolamento di esecuzione del Codice della strada impone l’omologazione del prototipo e per ogni esemplare dello stesso tipo, una visita primitiva e visite periodiche.


    Tutte queste attività sono state affidate al Csrpad, il Centro superiore ricerche e prove autoveicoli e dispositivi, un organo centrale nell’ambito della Motorizzazione. Dopo aver potenziato il Csrpad, per reggere la crescente diffusione degli etilometri tra le forze dell’ordine, ancora oggi ci sono Comuni con apparecchi in coda da giugno e quindi non utilizzati nella stagione estiva, si allestirono laboratori satellite in due Cpa, che sono i centri prova autoveicoli della Motorizzazione che sono quello di Milano e quest’estate anche quello di Catania. A questo punto chi è incappato in un controllo potrà fare ricorso sfruttando il possibile mancato rispetto dei requisiti delle apparecchiature utilizzate per rilevare l’infrazioni.

    361

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Curiosità AutoMondo autoSicurezza Stradale
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI