Ferrari al Salone di Parigi 2012: tutti i modelli [FOTO]

Ferrari al Salone di Parigi 2012: tutti i modelli [FOTO]
da in Anteprima auto, Anticipazioni Auto, Auto 2013, Auto nuove, Ferrari, Salone auto, Salone di Parigi 2016, Supercar
Ultimo aggiornamento:

    Poteva mancare lo storico marchio del Cavallino Rampante all’importante kermesse parigina? Ma certo che no!
    La Ferrari al Salone Internazionale dell’auto di Parigi ha portato tutta la gamma che è stata da poco rinnovata.
    La Casa di Maranello ha approfittato della rassegna internazionale parigina per presentare il telaio interamente di materiale composito derivato direttamente dalla Formula1 che verrà montato sulla nuova Ferrari F70 che, molto probabilmente, sarà l’erede della Enzo. Indiscrezioni dichiarano che potrebbe anche essere la prima vettura ibrida di serie sotto il marchio del Cavallino Rampante.
    L’uso di questo speciale materiale composito ha consentito di realizzare un telaio molto più rigido e più leggero: si parla di un peso minore del 20% rispetto al telaio della Enzo, una rigidità torsionale maggiore del 27% ed una rigidità flessionale maggiore del 22%.
    Alla kermesse erano presenti anche le vetture che compongono l’attuale gamma Ferrari, andiamo a vederle nello specifico.

    Telaio nuova Ferrari

    Come già accennato in precedenza, al Salone Internazionale dell’Auto di Parigi 2012 la Casa del Cavallino Rampante ha presentato il nuovo telaio realizzato in materiale composito che andrà ad equipaggiare la nuova vettura Ferrari che molte indiscrezioni indicano come la prima ibrida di serie del marchio. Sarà un modello molto importante per il marchio di Maranello, poiché sarà l’erede della Enzo e quindi verrà prodotta in tiratura limitata e numerata.

    Telaio nuova Ferrari: sviluppato con la Scuderia Ferrari

    Questo nuovo telaio è stato realizzando utilizzando le tecnologie evolute applicate in Formula1 e consente di ovviare all’aumento di peso determinato dalla trazione ibrida: il peso complessivo è minore del 20% rispetto a quello della Enzo, offre una rigidità torsionale e flessionale maggiore rispettivamente del 27 e del 22 percento.

    Telaio Ferrari in materiale composito Salone di Parigi 2012

    La Ferrari, per la realizzazione della nuova vettura ibrida, ha applicato la vasta esperienza maturata sui materiali compositi applicati alle competizione ed ha scartato le tradizionali tecniche industriali di lavorazione del carbonio, come ad esempio l’RTM (sigla che sta ad indicare lo stampaggio per iniezione di resina a bassa pressione), cui si fa ricorso solitamente in campo automobilistico.
    Perché le ha scartate? Semplicemente per il fatto che non soddisfavano appieno gli standard qualitativi e funzionali che la Casa di Maranello si era prefissata.
    Per questi motivi è stato realizzato un gruppo di lavoro misto con i tecnici ed ingegneri della Scuderia Ferrari: si è vista la collaborazione molto importante anche di Rory Byrne che nel ruolo di chief designer della squadra di F1 ha vinto ben 11 campionati del mondo!

    Telaio nuova Ferrari: la tecnica

    Questo telaio altamente tecnologico è stato realizzato impiegando ben quattro tipi diversi di carbonio, laminati a mano e prodotti in autoclave, seguendo uno speciale metodo di progettazione che ha permesso l’ottimizzazione del design integrando le diverse componenti.

    La struttura principale che fa da base, è realizzata in carbonio T800, con applicazioni di T800UD, che è un carbonio a fibre unidirezionali, utilizzate appositamente per rinforzare la struttura. I coperchi strutturali del fondo assieme con la traversa della plancia sono realizzati invece con un altro tipo di carbonio molto pregiato e denominato M46J, nelle zone critiche si è fatto ricorso invece alla fibra ultra-resistente T1000 che presenta un elevato assorbimento degli urti ed è la stessa che viene impiegata per la realizzazione del musetto delle monoposto di Formula1.
    La sottoscocca invece è stata realizzata impiegando il carbonio unito ad un altro materiale nobile: il Kevlar®. Quest’accoppiamento è stato scelto per prevenire i danni derivati dai detriti del fondo stradale.

    Ferrari F12 Berlinetta

    Ferrari F12 Berlinetta al Salone di Parigi 2012

    Nello stand del Cavallino Rampante al Salone di Parigi non poteva mancare la nuova Ferrari F12 Berlinetta.
    Presentata sul circuito di Fiorano circa tre mesi fa, è la più potente e veloce Ferrari di produzione di sempre.

    Ferrari F12 Berlinetta: estetica

    Inutile dilungarsi molto sull’estetica di questa vettura che è sensazionale!
    Nello stesso tempo riesce ad essere elegante e sportiva: i designer Ferrari si sono impegnati a fondo per la realizzazione del design della sostituta della 599 GTB Fiorano ed i risultati si vedono.
    Ma ora parliamo un pò delle caratteristiche meccaniche della F12, per l’estetica vi lasciamo alla fotogallery.

    Ferrari F12 Berlinetta: meccanica

    La Ferrari F12 Berlinetta è equipaggiata con un dodici cilindri a V da 6.3 litri di cilindrata che è forte di 740 cavalli di potenza massima e di una coppia di ben 690 Nm.

    Le prestazioni sono molto elevate: la velocità massima è di 340 km/h e lo scatto da 0 a 100 all’ora avviene in soli 3,1 secondi.
    Per raggiungere i 200 orari con partenza da fermo basta il tempo che impiega una normale sportiva per raggiungere i 100: solamente 8 secondi e mezzo!!
    Come da tradizione del Cavallino, la trazione è sulle ruote posteriori ed il cambio è un doppia frizione a sette rapporti con comandi al volante che consente passaggi di marcia rapidissimi.
    Sospensioni magnetoreologiche, freni carboceramici, differenziale elettronico e controllo elettronico di stabilità F1-Trac consentono alla F12 Berlinetta di essere velocissima anche in pista oltre che sulla carta: sul circuito di Fiorano ha fermato il cronometo su 1 minuto e 23 secondi, 1 secondo in meno della 599 GTO e ben due in meno rispetto alla Enzo.

    Ferrari FF

    Ferrari FF al Salone di Parigi 2012

    Al fianco della F12 Berlinetta, trovava posto la berlina quattro posti equipaggiata con l’innovativa trazione integrale del Cavallino: la Ferrari FF.
    Alla kermesse parigina si è presentata con un nuovo tetto in vetro panoramico realizzato con uno speciale vetro riflettente denominato LowE che permette un’elevato isolamento termico ed acustico offrendo la sensazione di viaggiare all’aperto.
    Equipaggiata con un 6.3 litri V12 da 660 cavalli, unisce prestazioni esaltanti ad un abitacolo confortevole per quattro occupanti.

    Ferrari 458 coupè e spider

    Ferrari 458 al Salone di Parigi 2012

    Anche le 458 coupè e spider hanno avuto uno spazio a loro riservato nel bellissimo stand Ferrari all’edizione 2012 del Salone di Parigi: la Casa di Maranello dichiara che con il loro motore V8, che è stato due volte vincitore dell’ambito premio “Best Performance Engine Award“, è dedicata a coloro che desiderano e amano una guida più sportiva.

    Ferrari California 30

    Ferrari California 30 al Salone di Parigi 2012

    Per coloro che non vogliono rinunciare alla praticità di utilizzo, Ferrari ha portato alla kermesse parigina la nuova California 30. Ora vi starete chiedendo probabilmente cosa significa 30: sta ad indicare i chili persi ed i cavalli acquistati che sono disponibili nella convertibile del Cavallino dalla metà di quest’anno.

    Investimenti sulla tecnologia

    Grazie ai continui e costanti investimenti sulla tecnologia, in Ferrari sono riusciti ad abbattere del 30% i consumi e le emissioni dell’intera gamma veicoli rispetto a quattro anni fa e nello stesso tempo ad aumentare la potenza di un centinaio di cavalli su tutti i modelli.
    I motori a 8 e 12 cilindri sono stati realizzati con caratteristiche tecniche da primato: regime massimo di rotazione, potenza specifica e campo di utilizzo sono ai massimi livelli, ma non per questo viene sacrificata l’efficienza che invece è sempre maggiore.
    Studi importanti sono stati effettuati anche per quanto riguarda la riduzione di peso grazie alla collaborazione di Scaglietti, da sempre specializzato nella lavorazione dell’alluminio, che ha messo a punto più di 25 tipi diversi di leghe, di cui alcune trovano applicazione per la prima volta nel settore automobilistico.

    1450

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Anteprima autoAnticipazioni AutoAuto 2013Auto nuoveFerrariSalone autoSalone di Parigi 2016Supercar
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI