Fiat, 250 milioni dalla Banca Europea

Fiat ha ricevuto 250 milioni di euro dalla Banca Europea per sostenere i propri piani di ricerca e sviluppo in merito alle trazioni alternative

da , il

    fiat banca europea

    Fiat ha ricevuto 250 milioni di euro per sostenere i propri piani di ricerca e sviluppo. La cifra è stata assegnata alla casa automobilistica del Lingotto dalla Banca Europea per gli Investimenti e si aggiunge ad altri finanziamenti accordati in passato dalla BEI a Fiat. Non si tratta dunque della prima volta, l”ultimo finanziamento risaliva al 2009 e ammontava a 400 milioni di euro per i progetti del Gruppo Fiat.

    L’operazione è realizzata nell’ambito di una serie di misure della BEI rivolto ai produttori europei per degli investimenti che mirino alla riduzione di emissioni di CO2 e ad una più ampia e concreta efficienza energetica. Un progetto che è stato sviluppato due anni fa per arginare la crisi economica. L’accordo è stato siglato a Torino alla presenza del rappresentante della BEI Dario Scannapieco e dell’amministratore delegato di Fiat Spa Sergio Marchionne cha ha ringraziato la Banca Europea a nome di Fiat e ha sostenuto che la somma permetterà di rafforzare il loro impegno sul fronte della mobilità sostenibile, approfondendo e migliorando tutte le competenze sulle trazioni alternative.

    Un compenso meritato se si considera che nel 2010 Fiat Group Automobiles è stato, per il quarto anno consecutivo, il costruttore che ha registrato il livello più basso di emissioni di CO2 delle vetture vendute in Europa. Scannapieco ha inoltre ribadito il rafforzamento del rapporto con Fiat dicendo che la BEI è soddisfatta di contribuire alle iniziative che il Gruppo Fiat ha nella progettazione e realizzazione di nuove tecnologie a ridotto impatto ambientale per il settore dei trasporti.