Fiat 500L fuori, Mini Countryman dentro: clone cinese Lifan 330 [FOTO]

Si chiama Lifan 330 ed è una sorta di Frankenstein automobilistico, stilisticamente parlando

da , il

    La notizia ha fatto molto parlare di sè solo ultimamente, ma noi di Alla Guida avevamo già parlato di questo scoop nell’aprile del 2013. Si chiama Lifan 330 ed è una sorta di Frankenstein automobilistico, stilisticamente parlando. La vettura cinese è un’utilitaria dalle dimensioni leggermente più compatte di quelle di una Mini: lunghezza di 3.740 millimetri, larghezza di 1.620 millimetri, altezza di 1.430 millimetri e passo di 2.340 millimetri. Il modello che vedete nell’immagine è la versione restyling, che è stato presentato al Salone dell’auto di Shanghai 2013. Del modello in sè non ci occuperemo particolarmente, dato che si tratta di un’automobile venduta esclusivamente in Cina, piuttosto vogliamo porre l’accento sulle caratteristiche estetiche. Alcuni colleghi hanno parlato di un vero e proprio clone, ma a nostro avviso è un po’ un concetto forzato. È abbastanza facile trovare delle analogie in termini di design della carrozzeria tra la Lifan 330 e la Fiat 500L. Non ci troviamo di fronte ad un caso di clone al 100%, come accadeva qualche anno fa, tuttavia la somiglianza è più che velata.

    Foto Fiat 500L

    I gruppi ottici sono tondi su entrambe, leggermente meno allungati sulla Lifan. La fascia paraurti prevede una grossa presa d’aria centrale che ricalca le forme di quella della monovolume torinese, così come è stato copiato il “baffo” attorno al logo Fiat che, anzichè essere cromato, è di colore nero sul clone asiatico. A questo si aggiungono altri dettagli, come ad esempio i montanti verniciati in nero lucido, oppure il tetto bicolore. Il posteriore, al contrario è una copia della Mini berlina, generazione precedente all’attuale.

    I progettisti, per quanto riguarda gli interni, invece, hanno preferito prendere ispirazione dalla Mini Countryman. Del piccolo SUV anglo-tedesco ritroviamo, ad esempio, la disposizione e la forma circolare delle bocchette, nonchè la strumentazione circolare. La console centrale è molto simile, anche se al posto del tachimetro sulla Lifan troviamo l’autoradio nell’oblò superiore. Molto simile anche il pomello del cambio.

    Per dovere di cronaca, segnaliamo che l’attuale generazione della Lifan 330 monta un unico motore da 1.3 litri di cilindrata, quattro cilindri in linea con una potenza massima di 90 CV ed una coppia di 110 Nm. La trasmissione è affidata ad un cambio manuale a cinque marce o ad un automatico CVT a variazione continua. Voi cosa ne pensate di questo “clone”?

    Foto Mini