Fiat 600 usata: una buona auto low cost

Fiat 600 usata: una buona auto low cost
da in Auto Economiche, Auto usate, Fiat, Fiat 600, Utilitarie
Ultimo aggiornamento:

    La Fiat 600

    Anche nell’auto usata esistono le low cost, sono quelle vetture che già erano costruite badando alla sostanza e , dunque, abbandonando quei canoni estetici e non solo, che, generalmente, conferiscono quel tocco di esclusività e di attenzione a vetture anche di piccola cilindrata e che, una volta confinate nel parco auto usato, proprio per il basso prezzo che avevano da nuove, per l’assenza di quegli elementi che fanno la differenza, anche economica di un’auto, costano poco, si svalutano tantissimo, al punto che conviene tenerle fino a quando le avrete spremuto fino all’ultimo alito di vita, il cui passo successivo sarà, inevitabilmente, la rottamazione; solo in quest’ottica queste auto possono essere considerate un affare.

    Una vettura italiana che fino a poco tempo fa era ancora in produzione e che qualcuno definiva low cost, mentre altri,semplicemente, versatile utilitaria, era la Fiat 600, la quattro posti più utilitaria che vera city car, derivata dalla vecchia cinquecento, quella vettura, un po’ sui generis che sostituì, senza troppa fortuna, la vecchia 126.

    La Fiat 600

    Trovarla non è difficile, perché, a suo tempo, ebbe una discreta diffusione in Italia, ciò che è bene sapere è che si trova a prezzi di vero realizzo, dunque, se avete l’esigenza di un’auto da utilizzare in città, magari una seconda o terza auto da trattare con scarsa attenzione, soprattutto per quanto riguarda la carrozzeria, o da affidare ad un figlio neopatentato, la scelta di una 600, potrebbe essere quella giusta. La città, oltretutto, è il suo elemento migliore, visto le dimensioni, mignon della vettura, così come, è più adatta a viaggiarci in due ed eventualmente con due bambini a bordo, anzicchè con adulti collocati nei posti dietro, potrebbero, dopo un tragitto lungo, chiedervi i danni!

    Gli interni della Fiat 600 nella versione più accessoriata

    Il motore è ben riuscito, meglio comunque quello relativo alla produzione post 2005, che era già Euro 4. Parliamo di un vivace 1.100 cc. che, grazie alla leggerezza dell’auto, risulta anche brillante e piacevole da guidare. Da segnalare che, pur essendo un’utilitaria, l’assenza del servosterzo la rende scomoda da guidare, proprio in città, dove si è spesso costretti a continue manovre. Ragion per cui, se la trovate usata, sceglietela in versione Class, che dispone, fra l’altro di questo indispensabile accessorio, sennò, meglio rinunciare all’acquisto.

    All’interno, più spartana di così, difficilmente se trovano auto, ma questo potrebbe essere un punto di forza che caratterizza la vettura.

    Poco rifinita, dunque, poco accessoriata e addirittura gli sportelli si presentano con la lamiera a vista. Gli specchietti retrovisori si regolano a mano, come nelle auto anni 70 e, all’esterno, i paraurti, dello stesso colore della carrozzeria, quando assolvono al loro compito, per il quale sono stati previsti, difficilmente non lo danno da vedere, rimediando antiestetiche strisciature, abrasioni ed ammaccature.

    Tornando alla meccanica, ricordiamo che parliamo di una vettura che conta sui suoi 54 cavalli di potenza ma che riescono a farle raggiungere anche i 150 km/h, con un’accelerazione non da poco, se si pensa il tipo di vettura di cui parliamo, visto che da 0 a 100 orari, accelera in 14 secondi e mezzo, con buoni consumi che le consentono di percorrere, con 1 litro di benzina, anche 17 chilometri, non male, se si considera il periodo in cui fu costruita.

    Come detto le quotazioni sono in picchiata, per un esemplare di nove anni di vita, potrebbero occorrere meno di 1.000 euro, per uno di sette anni, meno di 2.000, mentre, per uno di appena un anno, anche 5.000 euro, potrebbero bastare.

    648

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto EconomicheAuto usateFiatFiat 600Utilitarie
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI