Motor Show Bologna 2016

Fiat chiede ad Annozero risarcimento di 20 milioni

Fiat chiede ad Annozero risarcimento di 20 milioni

Il Gruppo Fiat avrebbe chiesto un risarcimento di 20 milioni di euro alla trasmissione televisiva Annozero in seguito a un video andato in onda durante una puntata del 2 dicembre

da in Alfa Romeo Mito, Citroen DS3, Fiat, Mini Cooper, Mondo auto, Sergio Marchionne
Ultimo aggiornamento:

    Il risarcimento che la Fiat avrebbe chiesto alla trasmissione televisiva Annozero sarebbe di 20 milioni di euro. La vicenda, nota ormai da tempo, è scaturita in seguito alla puntata, (nel video il servizio in questione) andata in onda su Rai2 il 2 dicembre 2010. Tutto è nato in seguito ad alcune affermazioni fatte durante la puntata che non sono state particolarmente accettate dai vertici dell’azienda di Torino. In particolare si contesta il video della prova comparativa tra Alfa Romeo Mito, Citroen DS3 e Mini Cooper S in cui la vettura sportiva del Biscione era arrivata ultima in una prova di velocità.

    La cifra non è ancora ufficiale, ma è stata resa nota dall’Ansa in un breve dispaccio indirizzato alla stampa. L’unica comunicazione del Gruppo Fiat rimane quindi quella relativa alla richiesta dei danni in cui si riteneva strumentale l’utilizzo del servizio e si prometteva un’azione di risarcimento, volendo tutelare anche i numerosi lavoratori che quotidianamente offrono il proprio contributo alla realizzazione di prodotti sicuri e tecnologicamente avanzati. La nota inoltre aggiungeva che il ricavato dalla battaglia legale contro la trasmissione televisiva sarebbe stato interamente devoluto in beneficenza.


    La Fiat ha sempre sostenuto che questa è una forma di difesa a fronte di una condotta tanto ingiustificata quanto lesiva della verità, dopo che nella puntata dal titolo Forse Italia di Annozero, in cui era ospite anche il segretario generale della Fiom Maurizio Landini, si poneva al centro del dibattito, insieme alla riforma Gelmini dell’Università, la ricetta di Marchionne per il futuro della Fiat e gli stipendi dei manager. In quel contesto il conduttore, Michele Santoro, aveva lanciato un filmato in cui le tre vetture si sfidavano in una gara di velocità e in conclusione, essendo arrivata per ultima la Mito, alcuni ospiti avevano dedotto che sarebbe meglio per Marchionne vendere Alfa Romeo, in un periodo già abbastanza difficile per il settore, mentre altri, come il senatore Roberto Castelli, avevano avuto da obiettare a proposito del metodo di realizzazione del servizio.

    394

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Alfa Romeo MitoCitroen DS3FiatMini CooperMondo autoSergio Marchionne

    Motor Show Bologna 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI