Fiat-Chrysler: accordo con Università di Torino e Windsor

Fiat-Chrysler: accordo con Università di Torino e Windsor

Il gruppo Fiat-Chrysler ha siglato un accordo con le università di Torino e Windsor per avviare un corso di studio altamente professionalizzante per i futuri manager dell'industria automobilistica

da in Chrysler, Fiat, Mondo auto
Ultimo aggiornamento:

    marchionne assemblea azionisti


    L’amministratore delegato di Fiat-Chrysler, Sergio Marchionne, il rettore del Politecnico di Torino, Francesco Profumo ed il rettore dell’Università di Windsor (Canada), Alan Wildeman, hanno siglato un accordo di collaborazione per attivare il corso International Joint Master Degree in Automotive Engineering. Questo percorso di studi altamente professionalizzante che partirà il prossimo anno si pone l’obiettivo di formare i futuri manager dell’industria automobilistica. Gli studenti del corso avranno l’opportunità di conseguire due lauree, una per ateneo.

    Il master sarà gestito dalle due Università separatamente, ma con intensi scambi di informazioni e studenti. A Torino si chiamerà Laurea Magistrale in Automotive Engineering; in Canada sarà denominato Master of Applied Science in Automotive Engineering. Le aree trattate saranno principalmente quattro: sistemi del veicolo, motori, gestione dei processi industriali e ingegneria virtuale.

    «Questo accordo con il Politecnico di Torino rappresenta una sfida per i nostri studenti a portare le loro competenze all’estero – ha affermato Alan Wildemanlavorare a livello internazionale e ampliare i loro orizzonti.

    Le capacità dei nostri laureati in ingegneria sono di immenso valore e siamo onorati che siano stati invitati a contribuire al futuro successo di Chrysler e Fiat».

    «Dopo aver portato i Centri di Ricerca nell’Università – ha aggiunto Francesco Profumola nuova sfida è quella di portare l’Università nella fabbrica. Il rinnovo dell’accordo con Fiat e il Corso di Laurea in Ingegneria dell’auto in questa nuova connotazione offriranno grandi opportunità ai nostri studenti e a quelli dell’Università di Windsor».

    Infine, Sergio Marchionne ha concluso: «L’iniziativa di oggi prende vita da una singolare e fortunata coincidenza di percorsi diversi: le esperienze che Fiat e Chrysler hanno sviluppato negli anni rispettivamente con il Politecnico di Torino e l’Università di Windsor. Ognuno di noi finora ha seguito un percorso autonomo, ma in fondo, tutte le nostre strade partivano dallo stesso punto».

    397

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ChryslerFiatMondo auto
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI