Salone di Parigi 2016

Fiat Mobi: l’erede della Uno solo per il Sudamerica

Fiat Mobi: l’erede della Uno solo per il Sudamerica
da in Auto 2016, Auto nuove, Fiat, Utilitarie
    Fiat Mobi: l’erede della Uno solo per il Sudamerica

    Un modello costruito in Brasile e venduto solo in Sudamerica: è la Fiat Mobi, della quale è già stata avviata la produzione nello stabilimento di Betim e che ad aprile verrà lanciata commercialmente. La Mobi è una vettura di segmento A. Ad essa spetterà il compito di costituire il modello d’ingresso nella gamma della casa italiana per il mercato brasiliano. Prenderà il posto della storica Mille, nome assegnato in quella nazione alla veneranda Fiat Uno, là prodotta fino al 2013 con grande successo di vendite, circa 3,7 milioni di esemplari.

    Esternamente il design richiama a grandi linee quello della Panda. Però la Mobi è ancora più corta: compattissima, misura 3,65 metri contro i 3,81 della Panda. Per quanto riguarda i motori, è opinione diffusa da quelle parti che verrà montato il classico 1.0 Fire Evo da 75 cavalli. Nel 2017 dovrebbe essere aggiunto alla gamma anche il 1.0 GSE a tre cilindri, un parente del nostro 0.9 TwinAir, di potenza da circa 80 cavalli. Cambio manuale a cinque rapporti e quattro allestimenti, chiamati Easy, Drive, Like e Way.
    La meccanica collaudata (piattaforma condivisa con Palio e Grand Siena) terrà i prezzi piuttosto bassi. Per quanto riguarda l’equipaggiamento, si punterà soprattutto sugli accessori multimediali. E’ prevista più avanti anche una variante che ricorda un Suv.

    Fiat Mobi 2

    L’antenata della Mobi, la Mille, è stata la versione brasiliana della nostra Uno, come dicevamo. Tuttavia, mentre in Europa la fortunata utilitaria è andata in pensione nel 1995 dopo 12 anni di carriera, sostituita dalla Punto che uscì due anni prima, in Sudamerica questo modello ha superato decenni e mode, continuando a vendere moltissimo. Economicità e robustezza sono state le sue caratteristiche principali e vincenti. Fino al 1994 venne usato il nome Uno, poi sostituito da Mille.
    Il motore principale fu l’altrettanto celebre e fortunato Fire 1.0, nelle sue varie evoluzioni. In Brasile è stato anche adattato all’alimentazione ad etanolo (cioè alcool etilico), carburante molto diffuso da quelle parti.

    385

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto 2016Auto nuoveFiatUtilitarie

    Salone di Parigi 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI