Salone di Parigi 2016

Fiat Panda 100 HP vs Daihatsu Sirion Sport: quale scegliere?

Fiat Panda 100 HP vs Daihatsu Sirion Sport: quale scegliere?

Cosa differenzia due piccole sportive come la Panda 100 HP e la Daihatsu sirion sport? solo il prezzo, no, qualcos'altro

da in Daihatsu, Euroncap, Fiat, Sistemi di sicurezza
Ultimo aggiornamento:

    Si potrebbe fare più minacciosa la concorrenza per la Fiat Panda 100 HP, la piccola potente sportiva italiana che potrebbe presto doversela vedere con la nuova Daihatsu Sirion Sport.

    Della piccola e al contempo grande sportiva che parla la nostra lingua si apprezzano le doti di un propulsore potente in grado di entusiasmare gli amanti di una guida brillante, pur nella praticità di una vettura che resta sempre di dimensioni ottime, compatta, pratica qual’è la Panda e, fatto molto importante, ad un prezzo pur sempre competitivo.

    Il motore e le dimensioni

    Ricordiamo che ci riferiamo ad una vettura con un motore di 1.368 cc. di cilindrata con 101 cavalli di potenza con cambio a sei marce manuale del peso di appena 975 chilogrammi e dalle ottime dimensioni che confermano l’idea di un’auto compatta come accennato prima; una lunghezza di 3 metri e 54 centimetri, una larghezza di 1,58 e un’altezza di poco più di un metro e mezzo, insomma, abbastanza confortevole per cinque persone, anche se in quattro si viaggia meglio e si sfrutta un bagagliaio adeguato, 206 litri che possono diventare 775 litri.

    Le differenze col modello tradizionale

    E’ facile riconoscere la 101 HP dal modello normale della Panda, si guardino i fari e qui ci si avvede delle prime differenze, così come diversi sono anche i pneumatici adottati, nella sportiva che infatti hanno dimensioni di 195/45 R15, così come i passaruota leggermente più grandi sono contorniati da una palpebra nera che li percorre interamente e dietro fa bella mostra di sé lo spoiler pur se discreto e piacevole alla vista ed, infine, anche i paraurti sono perfettamente in pandance con la carrozzeria, mentre lo scarico è cromato ed i vetri leggermente offuscati.

    Gli interni

    L’abitacolo anche di questa Panda è accogliente con il tipico aspetto racing di un’auto che detiene quella vena sportiva come accade alla 100 HP, il posto di guida è comodo con i comandi a portata di mano e molto intuitivi, meno bene sta il guidatore ed i passeggeri watussi per i quali il limite è rappresentato, soprattutto se viaggiano dietro, nell’urtare con le gambe gli schienali anteriori, oltretutto infastidendo i passeggeri che viaggiano avanti e per chi guida lo spazio è limitato per le gambe e si è costretti a flettere un po’ le braccia. Accanto al pilota ben visibile e raggiungibile il tasto Sport che rende il motore più aggressivo e lo sterzo più pesante; insomma è il passo necessario per avere un’auto più sportiva e divertente.

    Sicurezza attiva e passiva

    La Fiat Panda 100 HP è sicura ma si sarebbe potuto fare sicuramente di più, tant’è che l’Euroncap le ha assegnato tre stelle e la vettura di serie viene offerta con i soli airbag frontali e, per quanto riguarda l’ESP si può averlo solo pagandolo a parte al costo di 510 euro; ci saremmo aspettati che l’avessero montato già di serie ed invece così non è!

    Detto ciò, non resta che assistere al confort che la vettura riesce a conferire ai viaggiatori i quali dovranno fare i conti con una rigidità costituzionale della vettura condizione questa necessaria per magnificare il temperamento sportivo dell’auto, del resto chi compra questa versione sa già a cosa andrà incontro; ciò non significa che la vettura non sia confortevole, ma le reazioni allo sconnesso e a qualche anche piccola asperità della strada si sentono eccome.

    Tornando alla sicurezza, degni di menzione sono i freni, 4 a dischi, potenti e sicuri e capaci di una buona resistenza pur se sollecitati a lungo.

    La Daihatsu Sirion Sport

    La Sirion ha un motore di 1.500 cc. di cilindrata con 103 cavalli di potenza, ha cambio a cinque marce manuale, freni misti, dischi davanti e tamburi dietro e dimensioni leggermente più generose della Panda; una lunghezza di 3 metri e 60 centimetri, una larghezza di 1 metro e 67 centimetri e un metro e 55 centimetri di altezza con un peso che supera la tonnellata per una cinquantina di chilogrammi.

    Le dimensioni poco più generose della Fiat Panda si fanno sentire sullo spazio offerto dal bagagliaio che nella Sirion è di 235 litri in condizioni standard, ma abbattendo i sedili quello della Panda è leggermente più spazioso, visto che qui siamo a 630 litri.


    Sicurezza e abitacolo

    La Sirion pur essendo considerata una sportiva ha un atteggiamento più pacioso su strada, del resto anche la Casa giapponese non ne amplifica le prestazioni ritenendola soltanto una cittadina briosa. Tale temperamento poco votato a quell’immagine racing che è sicuramente più di Panda lo si respira anche all’interno, dove la Casa nipponica ha puntato maggiormente allo spazio anche se gli interni sono abbastanza anonimi e privi di quel minimo di spunto atti ad esaltare la personalità della vettura.

    In fatto di sicurezza attiva e passiva, però, la Sirion è più affidabile della italiana, lo dimostrano anche le 4 stelle che le ha assegnato l’Euroncap ed i due airbag laterali che Panda, purtroppo, non ha.

    Il propulsore

    Il motore della Daihatsu Sirion in confronto con quello della Panda è più regolare nell’aumentare la velocità offrendo spunti di maggiore briosità rispetto all’italiana, anche i freni della giapponese sono migliori nell’utilizzo, nonostante si parli di un circuito frenante di tipo misto.

    Nel complesso la Sirion ha un design che poco la riporta a quella sportività che ci si aspetterebbe dal nome, l’abbiamo visto all’interno ma la stessa cosa si potrebbe dire per gli esterni dove, eccezion fatta per il generoso spoiler posteriore, tutto resta immutato rispetto alla versione tradizionale. Però, anonima quanto vogliamo, ma il confort della giapponese è maggiore di quello offerto dalla Panda ed in questo a favore della prima giocano anche qui centimetri in più che consentono ai passeggeri, soprattutto se watussi, di distendere le gambe.

    I prezzi

    Sul fronte dei prezzi, meno di 500 euro separano le due vetture, nel senso che la Sirion costa di più, 13.600 euro per la Panda, 14.100 per la Sirion .

    Gli elementi di differenziazione fra le due vetture.

    Ma allora, cosa potrebbe indurre un cliente a scegliere l’uno o l’altro modello?.Gusti a parte, a favore della Sirion gioca il fatto che rispetto alla Panda è più sicura, la dotazione di cui si avvale ha in più rispetto all’italiana i comandi radio al volante che nella Panda si pagano a parte, l’Esp di serie che nella Fiat è un optional, un maggior confort nei viaggi.

    Tuttavia la Panda ha degli accorgimenti che nella Sirion non sono neanche previsti come optional, un esempio, il clima automatico, il navigatore satellitare, i sensori parcheggio, il tetto apribile elettrico, il sistema Bluetooth; anche se c’è da dire che se tali sistemi si decidesse di acquistarli inciderebbero sul costo della vettura per un esborso in più di ben 3.500 euro, ma è doveroso citarli ugualmente.

    Che altro dire, nei fatti ad indirizzare il cliente è anche il gusto personale quando si parla di due validissime concorrenti e, cosa importante, in ognuno di noi poi vi possono essere esigenze diverse che vanno in direzione di una o di un’altra vettura, così chi vuole una piccola e più comoda vettura anche cittadina potrebbe orientarsi sulla giapponese, chi vuole una piccola sportiva, soprattutto nell’aspetto, potrebbe indirizzare la sua scelta sulla Panda, insomma scelte tali che rendono persino il minor costo della italiana, che pure dovrebbe essere un valore aggiunto per questa vettura, un elemento addirittura trascurabile.

    1318

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN DaihatsuEuroncapFiatSistemi di sicurezza Ultimo aggiornamento: Domenica 05/07/2015 10:19

    Salone di Parigi 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI