Ford Puma, veloce, scattante…. ad energia solare

da , il

    Ford Puma

    Per gli addetti ai lavori, il Salone dell’auto di Detroit è iniziato giorno 9 gennaio e da quella data ad oggi, Ford ha tenuto nascosta sotto strati e strati di tela, questa bella concept per svelarla successivamente, fra lo sbigottimento e la sorpresa generale. Ford Puma, così è stata chiamata, non era una semplice concept ma una futura coupè, se dovesse entrare in produzione, veramente rivoluzionaria.

    Esteticamente è attraente, con linee futuristiche e concetti d’ avanguardia. Nella parte anteriore la calandra ribassata lascia posto, superiormente alla cornice ai cui lati, due fari spioventi danno l’ idea di una vettura votata alla sportività. Le fiancate morbide sottostanno ad una geometria perfetta alle cui estremità brillano i cerchi in lega, i posteriori leggermente più grandi, fanno assumere all’ auto quell’ aspetto da felino proteso in avanti pronto al balzo.

    Tozza com’è, posteriormente, saremmo tentati di paragonarla alla Porsche 911, ma non è quella parte dell’ auto a colpirci, quanto il tetto e il portellone interamente occupato dalle superfici vetrate, chissà perché tanto spazio a giorno, ci si chiede…. Ma la risposta arriva puntuale, Puma è un ibrido diesel elettrico e sotto i vetri vengono custoditi i circuiti elettronici per alimentare le batterie al litio….. ma non è finita qui!

    Le portiere si dispiegano come ali di una farfalla schiudendosi sull’ abitacolo dalle linee futuristiche. Niente più legno, alluminio o alcantara, ma plastica, solo plastica, non certo grezza, ma lavorata e bella a vedersi ma solo ed esclusivamente plastica. Lo spazio anteriore dell’ abitacolo è grande e comodo, dietro c’è appena lo spazio per uno, due bambini, in assenza dei quali, con un tasto, il sedile scompare e lascia posto libero per qualsiasi uso lo si voglia adibire. Uno schermo piccolo, piatto, inoltre, comunicante con una minuscola cam, consente al conducente di spiare i movimenti dei bambini posti nel sedile posteriore, rendendo visibile ogni angolo, anche nascosto della zona.

    La Puma è silenziosissima e l’ insonorizzazione è garantita da speciali guarnizioni in gomma del tipo utilizzati dalla Nike per le sue scarpe sportive. La Puma è una quattro ruote motrici ed ecco svelato il segreto, il combustibile che alimenta il motore diesel ed elettrico viene fornito dalle batterie al litio che accumulano energia solare direttamente da speciali pannelli posti sui fari anteriori e sui gruppi ottici posteriori, la stessa energia che alimenta il climatizzatore, d’ estate, anche a vettura non in moto. Tale energia consente una guida brillante e un temperamento sportivo all’ auto, anche per effetto delle gomme, Michelin, della quale si dota, a scarsa aderenza, ma nella totale sicurezza, che riducono l’ attrito col terreno aumentando la velocità della Puma.

    Il debutto di questa rivoluzionaria vettura è previsto per l’ estate del 2008. Vedremo per quella data una Puma sfrecciarci accanto superandoci per strada? Chi lo sa con certezza, certo è che Ford pare essere arrivata vicinissima a risolvere il problema energetico sulle auto e, Puma, ne è un esempio…. “ vivente “!