Ford Puma…..l’avveniristica concept

Ford Puma…..l’avveniristica concept

Pensate di conoscere altre vetture avveniristiche, avete mai provato Ford Puma?

da in Concept Car, Coupè, Ford
Ultimo aggiornamento:

    Ford Puma

    Sportelli ad ali di farfalla, avvolgenti e poco ingombranti, linea da vero coupè sportivo, aspetto felino, come da nome adottato; Puma.

    Parliamo della sportiva Ford, remake di un vecchio modello, per la verità, che non godette di troppo successo in passato. Diversi i progettisti cui si annette la paternità di questa vettura, ma il più incisivo pare essere stato, tale mr. Brit Peter Horbury, che ha impresso tutto il suo impegno in questa moderna concept.

    Innovativa, sicuramente, lo è, Puma e non solo per le forme, ma soprattutto per il propulsore, un modernissimo diesel elettrico, che utilizza anche l’energia che andrebbe dispersa dalle ruote in frenata. Ma Puma è avveniristica anche per altre soluzioni adottate, ad esempio, i fari e i gruppi ottici posteriori, si dotano di particolari pannelli solari in grado di immagazzinare energia per poi trasferirla agli accumulatori e alimentare l’impianto elettrico della vettura. Un congegno sofisticato che consente anche l’immagazzinamento di energia solare anche a vettura ferma, sfruttando i raggi solari anche quando il cielo è nuvoloso. Queste soluzioni, interessantissime, non sono proprio una novità, basti pensare che analoghi accorgimenti sono presenti anche su Mazda Kabura.

    L’abitacolo di PUMA è abbastanza confortevole e spazioso per due persone, anche se è previsto un divano posteriore, altrettanto comodo, ma facilmente asportabile che consente di ospitare un passeggero d’emergenza o, col semplice schiacciamento di un tasto, creare la situazione per far stare due bambini con in mezzo un utile divisorio che li protegga quando il veicolo è in marcia.

    L’auto è anche dotata di apposita telecamera puntata ai sedili posteriori che consente, mediante la visione in un monitor, di “spiare” il comportamento dei bambini seduti dietro. La vettura è adeguatamente sicura, grazie alla serie completa di airbag anteriori, posteriori, superiori e laterali a tendina.

    L’interno è ben curato, luminoso, per via delle adeguate superfici vetrate e del materiale impiegato per i rivestimenti, che conferiscono un bell’effetto policromatico interno, quello stesso dove non ritroviamo nessuno degli elementi classici, in genere sinonimo di eleganza, quale cuoio e legno, bensì la più fredda plastica e materiali sintetici, rosso e bianco luminoso, così come i sedili, rivestiti di una sorta di copertura trasparente che consente la fisiologica traspirazione della pelle del passeggero. Per quanto riguarda la dotazione di bordo, l’apparecchiatura radio/CD è di serie, così come tutte le funzioni sono affidate ad un’elettronica persino, a volte, esasperata.

    Cercare un mercato dove collocare la nuova Puma non è semplice, forse neanche per il management della Casa, che vorrebbe destinare l’eventuale vettura derivata da questa concept, ad un target individuato in giovani coppie o single sportivi e dinamici. Ma qualcuno fa notare che in Europa, vista la scarsa natalità di questi ultimi decenni, Puma potrebbe essere scelta anche da famiglie con una sola coppia di bambini al seguito, fatto quest’ultimo cui potrebbe ben rispondere la vettura, considerate le caratteristiche costruttive di cui, come si è visto, si è dotata.

    513

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Concept CarCoupèFord
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI