Furti Auto: altro che diminuiti!

Furti Auto: altro che diminuiti!

Furti Auto: altro che diminuiti!

da in Furti auto, Mondo auto
Ultimo aggiornamento:

    Sono sempre di più i furti auto, come dicono alla Polizia

    Sembrava un fenomeno criminale sulla via del tramonto ed invece, i furti d’auto in Italia, hanno persino subito un’impennata nel 2007 .

    Forse l’antico “topo d’auto” che nottetempo si aggirava furtivo attorno alla “preda” prescelta e che poi scardinava la serratura della portiera o infrangeva il vetro ed una volta dentro l’abitacolo smontava il quadro strumenti, unendo i fili e avviava l’auto, è sicuramente relegato a qualche ingiallito libro di storia, ma non lo stesso di può dire per uno dei reati che, dopo un breve periodo in cui sembrava stesse uscendo dall’attenzione della Legge, è tornato, prepotente, in auge come e più di prima.

    Di contro c’è da dire che neanche nelle cronache locali dei giornali tale pratica criminosa trova più posto, relegata ad un livello d’attenzione sempre minore, sovrastata da notizie di “nera”, che purtroppo non mancano mai, sicuramente più… interessanti. Ma i furti d’auto sono una piaga sociale ed in questo a pagarne le conseguenza peggiori sono quei cittadini che dopo aver perso la propria auto, subiscono la scure assicurativa che non risarcisce quasi mai somme sufficienti a ripagare il danno subito, con la conseguenza di patire un danno economico dai riflessi, a volte, persino drammatici.

    D’altronde non si può certo pretendere che le Forze di Polizia abbandonino le indagini per reati di più allarme sociale per seguire i furti d’auto, forse le indagini andrebbero fatte alla testa di queste organizzazioni malavitose, ma questo è già un altro problema. Da parte delle Case automobilistiche bisogna ammettere che gli sforzi, complice l’elettronica, si sono fatti, oggi rubare un’auto è tutt’altro che facile, ma, parallelamente ai progressi nella tutela della proprietà, si registrano analoghi sviluppi dell’industria del crimini, ahinoi, sempre fiorente, col risultato che, se una banda di criminali si concentra e decide di rubare un’auto, è solo questione di tempo, ma non la ferma più nessuno.

    E che l’allarme ci sia eccome, lo dimostrano le statistiche che registrano, puntualmente, che lo scorso anno si sono consumati più di 150.000 furti di auto che se li paragoniamo alle ore che compongono un anno solare, ci si accorge che il dato deve leggersi come 20 vetture ogni ora in tutta Italia, 1 auto per regione ogni ora che si volatilizza, facendo la media nazionale e se poi vogliamo fare quattro conti di più, scopriamo che ogni tre minuti di orologio, si “liquefa” un’auto.

    Troppe, sicuramente e quel che è peggio è che chi credeva di rendere inviolabile la propria auto con i moderni antifurti satellitari, resterà deluso alla notizia che, proprio perché il reato non è consumato dal singolo “topo d’auto” ma da grosse organizzazioni criminali, queste si muovono per la città con appositi furgoni piombati che isolano la vettura sottratta dal “grande fratello” satellitare offuscando il segnale GPS.

    Circa la fine riservata alle più o meno lussuose o ben tenute vetture, c’è da dire che, passano gli anni, ma le organizzazioni si muovono sempre allo stesso modo, con reti di vendita costituiti da commercianti compiacenti che collocano sul mercato i pezzi di ricambio migliori a prezzi stracciati, oppure, le migliori e più lussuose vetture, vengono dirottate a prezzi più bassi per i mercati africani o dell’Est Europa.

    Ma c’è di più, non è solo ad allarmare il dato secondo il quale nel 2007 si sono registrati quasi 15.000 reati di questo tipo in più rispetto ai due anni precedenti presi in esame, fatto di per sé inquietante, ma, inoltre, si assiste ad un altro reato satellite a quello principale e che sfugge ad ogni controllo, perché non suffragato da denunce se non in qualche caso; ovvero, si registrano, soprattutto in alcune regioni del sud, reati di estorsione a carico di cittadini a cui viene sottratta l’auto e riconsegnata a fronte del pagamento di una somma chiesta come riscatto e, quel che è peggio, il derubato paga e non inoltra denuncia.

    Insomma, un reato che ha risvolti sociali importanti e contro il quale le stessi Leggi sono poco efficaci, visto ciò che rischia, o meglio che non rischia, penalmente, chi ruba un’auto. Volendo completare la statistica delle città più “calde”, in ambito ai furti d’auto, anche nel 2007 , ogni 1000 vetture rubate, 11 sono a Bari a pari merito con Napoli, 9 a Roma a pari merito con Milano e fra tutte le marche, Fiat è sempre in testa fra le più appetibili vetture dai malfattori, se solo si pensa che “spariscono” 60.000 “torinesi”ogni dodici mesi, dato che, si conferma da un anno ad un altro.

    788

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Furti autoMondo auto
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI