Gallerie: molte da bocciare quelle italiane

Gallerie: molte da bocciare quelle italiane
da in Aci, Mondo auto, Sicurezza Stradale
Ultimo aggiornamento:

    Bocciate in larga misura le gallerie italiane

    Siamo alle solite, l’Italia sempre al centro delle polemiche e sempre arretrata in ambito alla sicurezza stradale, la conferma ci viene dalla Comunità Europea che boccia impietosamente lo stato delle nostre gallerie ritenute in maggior parte, non a norma.

    Infatti, secondo la denuncia della UE, ben 64 gallerie su 100 disseminate sul territorio italiano sono da bocciare. Disastrosa, almeno da questo punto di vista, la situazione in Liguria dove, a fronte di un numero di 378 tunnel di cui 75 lunghe più di mezzo chilometro, ben 113 sono da riqualificare.

    A gettare acqua sul fuoco ci pensa Luigi Merlo, assessore regionale dei trasporti della Liguria il quale ci informa che, se è vero che i tunnel che insistono in quella regione hanno bisogno di miglioramenti, vero è anche che non sembrerebbe abbiano gravi carenze strutturali, basterà intervenire sulla visibilità e sul sistema di comunicazione all’interno dei tunnel.

    Unica consolazione che ci resta, è sapere che la Direttiva Europea ha dato tempo a tutti i Paesi aderenti di adeguarsi alla normativa entro il 30 aprile 2019 e gli interventi riguarderanno i lavori di ripristino degli impianti di illuminazione, segnaletica, vie di fuga e di emergenza. Allo stato attuale delle cose, valgono i suggerimenti di sempre che l’Aci ribadisce e che consistono, nella sostanza, in alcuni punti fondamentali, quali, entrare nei tunnel dopo aver verificato la benzina, togliersi gli occhiali, rispettare i segnali stradali, semafori e limiti di velocità; così come è fondamentale anche non invertire mai la direzione o non viaggiare mai in retromarcia e fermarsi solo in caso di emergenza (accendendo le apposite luci).

    301

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AciMondo autoSicurezza Stradale
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI