NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

General Motors: 303 morti causate da airbag difettosi in seguito a incidenti

General Motors: 303 morti causate da airbag difettosi in seguito a incidenti

Sale inesorabile il numero di morti provocate in seguito ad incidenti su automobili firmate GM con airbag difettosi

da in General Motors nuove, Incidenti Auto
Ultimo aggiornamento:
    General Motors: 303 morti causate da airbag difettosi in seguito a incidenti

    Le tensioni non hanno smesso di salire per General Motors giovedì scorso quando un’analisi relativa ai dati degli incidenti a livello federale ha scoperto che ben 303 conducenti e passeggeri hanno trovato la morte in incidenti nei quali gli airbag non si sono aperti in due dei modelli che il costruttore d’oltre Atlantico aveva richiamato il mese scorso. L’analisi condotta dalla Friedman Research Corp. è stata commissionata dal centro per la sicurezza automobilistica, un gruppo di consumatori. Il centro ha accusato General Motors e i regolatori della sicurezza federale dell’automobile di non essere riusciti a perseguire attivamente le denuncie a causa dei sistemi di accensione difettosi degli airbag anche in casi di urto violento.

    Il mese scorso, General Motors aveva annunciato che stava per richiamare 1.6 milioni di veicoli per aggiustare questo elemento difettoso, elemento che, secondo i dati rilasciati dalla Casa stessa, aveva causato la morte di dodici persone. Precedentemente, il gruppo americano aveva affermato che le morti erano state tredici. L’analisi ha identificato gli incidenti mortali registrati nel database federale del FARS (Fatality Analysis Reporting System) che ha coinvolto due tra i sei modelli richiamati da GM, la Chevrolet Cobalt prodotta tra il 2005 e il 2007 e la Saturn Ion prodotta dal 2003 al 2007.

    Il centro ha comunicato che se gli altri modelli richiamati non fossero stati tenuti sott’occhio, il numero di morti sarebbe stato senza dubbio molto più alto. Le indagini non hanno cercato di valutare se gli interruttori difettosi avessero giocato un ruolo fondamentale nell’apertura degli airbag. In una lettera indirizzata al National Highway Traffic Safety Administration, Clarence Ditlow, direttore esecutivo del centro, ha criticato l’agenzia per non aver fatto nient’altro per scoprire i difetti di accensione e chiedere subito un richiamo.

    “Come l’agenzia ha fatto nelle investigazioni precedenti, le squadre dell’investigazione speciale sarebbero dovute essere sul posto per ottenere maggiori informazioni sugli incidenti e per determinare in quali di questi gli airbag non si fossero aperti a causa di un difetto di accensione.”

    Le conclusioni dell’analisi sono state segnalate dallo New York Times. L’NHTSA ha preso la difesa delle sue azioni, facendo notare che nella fase iniziale hanno attuato tre indagini sugli incidenti. Ma l’agenzia ha comunicato che quelle prove non sono riuscite a trovare le cause esatte degli incidenti. Per quanto riguarda invece General Motors, il gigante americano ha fatto sapere che l’analisi mandata avanti da Friedman non è stato in grado di determinare il motivo per cui gli airbag non si sono aperti durante gli incidenti mortali.

    449

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN General Motors nuoveIncidenti Auto
    PIÙ POPOLARI