Gomme: quelle sicure dal 2012

Gomme: quelle sicure dal 2012

Il regolamento si applica ai pneumatici di classe C1, C2 e C3, ossia a quelli destinati alle autovetture e ai veicoli commerciali leggeri e pesanti, ai rimorchi e agli semirimorchi,fanno invece eccezione gli pneumatici ricostruiti, stessa sorte toccata a quelle gomme che fanno parte dell’equipaggiamento di auto immatricolate per la prima volta prima del 1 ottobre 1990, stessa cosa per quanto riguarda ruotini, gomme previste per velocità non superiore agli 80 km/h oppure per le gomme montate in auto da competizione

da in Accessori auto, Mondo auto, Pneumatici, Sicurezza Stradale
Ultimo aggiornamento:

    pneumatici

    E’ stato approvato oggi al Parlamento Europeo la normativa che prevede che già dal 2012 gli pneumatici per tutti gli automezzi debbano essere, in primis, sicuri ed anche silenziosi ed in grado di far risparmiare carburante.

    A testimoniare le doti di sicurezza stradale delle gomme, aggiunte alle caratteristiche date dai bassi consumi di carburante, provvederanno speciali etichette apposte sulla gomma, sul modello già adottato sugli elettrodomestici con la stessa scala di valori distinguibile dalle lettere alfabetica A, Verde e G, Rossa.

    Ma non è finita qui, gli pneumatici dovranno fornire anche informazioni in fatto di aderenza al bagnato, rumore di rotolamento espresso in decibel, il tutto confermato grazie ad un adesivo che dovrà essere apposto alla gomma da parte del produttore.

    Il regolamento si applica ai pneumatici di classe C1, C2 e C3, ossia a quelli destinati alle autovetture e ai veicoli commerciali leggeri e pesanti, ai rimorchi e agli semirimorchi,fanno invece eccezione gli pneumatici ricostruiti, stessa sorte toccata a quelle gomme che fanno parte dell’equipaggiamento di auto immatricolate per la prima volta prima del 1 ottobre 1990, stessa cosa per quanto riguarda ruotini, gomme previste per velocità non superiore agli 80 km/h oppure per le gomme montate in auto da competizione.

    Per promuovere i pneumatici molto silenziosi, il Parlamento ha negoziato la modifica del relativo pittogramma.

    Il livello del rumore esterno dovrà quindi essere indicato con un numero crescente di “onde” nere emesse da un “altoparlante”. Ad esempio, i pneumatici silenziosi destinati alle autovetture (che producono meno di 68 decibel) saranno etichettati con un’onda nera e due bianche al fianco del valore in decibel. In forza al regolamento, gli Stati membri non potranno offrire incentivi a favore di pneumatici inferiori alla classe C in relazione sia al consumo di carburante sia all’aderenza sul bagnato. E’ peraltro precisato che misure fiscali e di bilancio “non costituiscono incentivi ai fini del presente regolamento”.

    366

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Accessori autoMondo autoPneumaticiSicurezza Stradale
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI