Goodyear e lo pneumatico che si gonfia da solo

Dopo lo pneumatico senza aria di Bridgestone potrebbe in futuro arrivare anche quello che si gonfia da solo

da , il

    pneumatico goodyear gonfia solo

    Continuano le novità per quanto riguarda il settore degli pneumatici, dopo quello senza aria, del quale si era parlato qualche giorno fa e sul quale è al lavoro da tempo Bridgestone, potrebbe in futuro arrivare anche quello che si gonfia da solo. A produrlo sarà Goodyear che ha annunciato il suo arrivo. Questo è possibile grazie ad un sistema nuovo, denominato AMT, Air Maintenance Technology, tramite il quale viene mantenuta sempre la pressione ottimale all’interno della gomma, evitando così tutti quei problemi che sono solitamente connessi al suo gonfiaggio.

    Una pressione insufficiente o eccessiva infatti non solo ha conseguenze negative come quella dell’aumento dei consumi di carburante, ma riduce anche di molto la vita dello pneumatico stesso, inoltre tutto ciò può anche compromettere anche la sicurezza del veicolo, arrivando a renderlo difficilmente governabile nel caso in cui si dovesse verificare una situazione d’emergenza. Secondo i dati che sono stati rilevati dalla Goodyear, una pressione non ottimale causa un peggioramento dei consumi che è compreso tra il 2,5 e il 3,3%, queste sembrano delle piccole cifre, ma che con l’attuale costo della benzina, sempre più in aumento e che non accenna a diminuire, hanno un valore molto più grande di quanto si possa invece immaginare.

    Grazie al sistema AMT, che funziona senza pompe esterne o dispositivi elettronici, gli pneumatici Goodyear saranno quindi in grado di mantenere sempre la pressione indicata dal costruttore del veicolo. I vertici dell’azienda hanno fatto sapere che l’AMT è un sistema che sfrutta una tecnologia complessa, ma che è nato da un’idea molto semplice, infatti il suo funzionamento sfrutta il movimento stesso degli pneumatici.

    Il progetto è stato sviluppato presso l’Innovation Center di Goodyear a Colmar-Berg, in Lussemburgo, e nello stesso centro di Akron, nell’Ohio, e ha ricevuto contributi da parte dei governi degli Stati Uniti d’America e del Lussemburgo: questo a dimostrazione di quanto sia cresciuta la sensibilità delle singole nazioni in merito al tema dell’ecologia. Una strada che ormai è sempre più percorsa non solo dalle case automobilistiche e dalle aziende in generale, ma anche appunto dai governi che credono fortemente in un determinato tipo di innovazione.

    L’AMT dovrebbe diventare un prodotto di utilizzo comune entro i prossimi anni e stando a quanto è stato dichiarato dalla Goodyear, potrebbe essere accompagnato anche da altre novità tecnologiche. In futuro quindi ci aspettano tante importanti novità non solo per quanto riguarda le automobili, ma anche per gli pneumatici. Alcune di queste fino a poco temo fa potevano sembrare solo fantascienza, ma ora non è più così. Non ci rimane dunque che attendere ancora un po’ per vederle tutte concretizzate.