Google car: l’auto senza pilota provata da un automobilista cieco [VIDEO]

Google car: l’auto senza pilota provata da un automobilista cieco [VIDEO]

Nuovo video dell'auto senza pilota realizzata da Google

da in Concept Car, Toyota Prius
Ultimo aggiornamento:

    big_googleselfdrivingcar02

    È da molto tempo che Google sta portando avanti lo sviluppo di un’auto in grado di poter viaggiare in totale autonomia e senza bisogno di un guidatore. La tecnologia che c’è alle spalle di un simile progetto è veramente impressionante. Oltre ad un ovvio ricevitore GPS per poter conoscere in ogni istante l’esatta localizzazione, sono sono presenti numerosi sensori che hanno il compito di sostituire gli occhi dell’automobilista e i cui segnali vengono integrati dai computer di bordo. Innanzi tutto ci sono quattro radar di tipo automobilistico (tre frontali e uno posteriore), simili a quelli che ultimamente vengono offerti come optional su molte auto per aiutare a prevenire le collisioni. Sulla ruota posteriore sinistra c’è un dispositivo che misura ogni piccolo spostamento dell’auto, e insieme al GPS aiuta a rilevare la posizione con assoluta precisione.

    Sulla parte alta del parabrezza è montata una videocamera che riconosce i semafori e facilita il riconoscimento di ostacoli in movimento come pedoni o ciclisti. Sul tetto poi c’è il sensore più vistoso di tutti: un LIDAR. Si tratta di un dispositivo molto usato in meteorologia in grado di effettuare scansioni con un raggio d’azione di circa 60 metri in tutte le direzioni. Come il RADAR ha il compito di rilevare oggetti a distanza, ma anzichè utilizzare le onde radio utilizza un impulso laser. Il vantaggio consiste nell’abilità di ‘vedere’ oggetti molto più piccoli, e quindi questo dà una maggior sicurezza all’auto senza pilota di Google.

    Negli Stati Uniti il progetto è già stato testato in modo intensivo, con oltre 200.000 miglia percorse (oltre 321.000 km) e appena un singolo incidente riportato. La regolamentazione per il momento è ancora carente in merito, ma ad esempio in Nevada hanno deciso che le auto prive di guidatore dovranno avere una targa rossa (durante i test) o una targa verde (nel caso di veicoli definitivi) in modo da essere facilmente riconoscibili da tutti gli altri utenti della strada.
    Quello che finora mancava per favorire lo sviluppo di un progetto così ambizioso era probabilmente il grande interesse del pubblico. In questo video è possibile assistere alla prima prova della Google Autonomous Car da parte di una persona comune, Steve Mahan. La particolarità di questo test drive però non finisce qui: Steve è cieco al 95% e privo di patente di guida. Sarà stato certamente emozionante per lui salire sulla Toyota Prius allestita dal colosso informatico per potersi muovere in assoluta autonomia tra le strade di Morgan Hill, in California. Per lui è stato sufficiente impostare la destinazione, e a tutto il resto ci ha pensato l’auto, rispettando la segnaletica e il codice della strada e portandolo nel luogo desiderato. Ecco quindi quale potrebbe essere un’applicazione concreta per una simile tecnologia.

    517

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Concept CarToyota Prius
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI