NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

GPL di serie su tutte le Opel

GPL di serie su tutte le Opel

Accordo tra General Motors Italia e Landi Renzo per offrire a tutti la possibilita' di comprare un'auto a GPL

da in Auto a Metano, Auto GPL, Auto nuove, Opel
Ultimo aggiornamento:

    Opel

    Come abbiamo già avuto modo di dire in diverse occasioni, non è soltanto il gasolio ad essere una soluzione più economica per muoversi. Nella panoramica che avevamo redatto, “Benzina, gasolio, metano o GPL: quale scegliere?”, si era parlato della possibilità di trasformare le vetture a ciclo Otto, aggiungendo all’impianto di alimentazione a benzina, quello dell’iniezione a gas. Grazie a Omniauto, ora, scopriamo nuove interessanti novità!

    Vi sono già alcune case produttrici di automobili che offrono versioni dei loro modelli alimentate a Metano o a GPL, ma l’operazione lanciata da Opel ha un diverso approccio. Grazie ad un accordo tra General Motors Italia e Landi Renzo s.p.a., una delle più grosse società italiane produttrici di impianti a gas per vetture, chi compra una vettura a benzina, può ordinare come “optional” l’impianto a GPL.

    In questo modo la vettura viene consegnata al cliente con l’impianto già montato – operazione che viene effettuata dall’officina del concessionario o da uno dei 500 installatori Landi Renzo – e collaudato; il vantaggio è che così la garanzia sulla vettura non decade e chi utilizza l’auto può fidarsi completamente dell’auto.

    Il costo dell’operazione – che comprende il serbatoio dedicato al posto della ruota di scorta, l’impianto d’iniezione, il kit di riparazione per i pneumatici e il montaggio – varia tra i 1.800 e i 1.950 Euro, a cui va sottratto il contributo regionale che varia da 350 a 650 euro.

    Si può iniziare a risparmiare fin da subito, ma soprattutto ad inquinare meno: ricordiamo, infatti, che un motore alimentato a GPL, invece che a benzina, ha emissioni inferiori del 10% di anidride carbonica, monossido di carbonio, ossidi di azoto e idrocarburi incombusti, ma soprattutto non produce PM 10 (ovvero quelle particelle di diametro inferiore ai 10 micron, che il nostro apparato respiratorio non riesce a filtrare). Ed è per questo – ed ecco che compare un altro vantaggio – che le vetture alimentate a GPL (ma vale anche per il metano) non sono soggette ai blocchi del traffico.

    La strada intrapresa dalle aziende è quella giusta: aumentando il numero di auto a GPL, infatti, dovrebbero conseguentemente aumentare anche i distributori, eliminando così il problema della carenza sul territorio di stazioni di servizio dotate della pompa per il gas.

    419

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto a MetanoAuto GPLAuto nuoveOpel
    PIÙ POPOLARI