Seguono il GPS e finiscono nell’oceano [FOTO]

Seguono il GPS e finiscono nell’oceano [FOTO]

Si può finire nell’oceano seguendo il navigatore satellitare della propria auto? Strano, ma vero

da in Accessori auto, Navigatori Satellitari
Ultimo aggiornamento:

    Si può finire direttamente dentro l’oceano seguendo il navigatore satellitare della propria auto. Strano, ma vero. E’ quanto accaduto a tre turisti giapponesi con la loro vettura che è finita sulla spiaggia mentre saliva la marea. Quanto accaduto è la dimostrazione che a volte non è sempre consigliato di seguire alla lettera tutte le indicazione del navigatore satellitare. Non è uno strumento infallibile e può provocare qualche problema, anche in un’epoca come la nostra in cui la tecnologia è molto sviluppata.

    Una storia che davvero potrebbe sembrare impossibile o inventata, ma è andata davvero così e ci sono anche le immagini che lo confermano. Prima dei tre giapponesi è successo anche a tanti altri automobilisti di ritrovarsi in situazioni simili, in alcuni casi anche ai limiti dell’inverosimile. A questi turisti giapponesi che erano in viaggio in Australia è andata oltre ogni previsione. Dopo aver noleggiato un’auto per andare a visitare la Baia delle ostriche a Cleveland, nel Queensland, si sono ritrovati bloccati nella fanghiglia mentre l’alta marea stava iniziando a salire e dopo aver percorso 500 metri in direzione dell’oceano.

    Un errore imperdonabile perché a quel punto il mare aveva già iniziato a circondare la Hyundai e gli occupanti al suo interno cercavano di capire quale fosse la cosa migliore da fare, senza rischiare troppo. A uno di loro è venuto in mente di chiedere aiuto a qualcuno che passava da quelle parti. I tre sventurati e sfortunati viaggiatori sostengono di aver solo seguito le istruzioni del Gps, queste avrebbero dovuti condurli ad una strada.

    Chi poteva aspettarsi una situazione del genere? In effetti era abbastanza improbabile, così loro si sono fidati e hanno fatto quanto veniva loro detto dalla voce del navigatore, senza porsi particolari quesiti in merito. Come capita tutti i giorni alla maggior parte degli automobilisti che usano un Gps. In un’epoca così tanto tecnologica, con mappe sempre molto aggiornate, sembra davvero impossibile che un certo tipo di prodotti possano fallire, ma in questo caso è successo, è stato proprio così.

    Questo episodio non ha avuto conseguenze, se non 1.500 dollari che i tre hanno dovuto rimborsare al noleggiatore per le riparazioni. Sicuramente pensando a tutte quelle che sarebbero potute essere le conseguenze è decisamente meglio che sia andata così. La prossima volta faranno maggiore attenzione alle indicazioni che arrivano durante il viaggio e magari non si fideranno completamente del loro Gps. Di sicuro, da adesso, ci staremo più attenti tutti.

    428

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Accessori autoNavigatori Satellitari
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI