Guida non lasciarti guidare….

Guida non lasciarti guidare….
da in Codice della strada, Mondo auto, Sicurezza Stradale
Ultimo aggiornamento:

    Guida sicura

    Si chiama “Guida, non lasciarti guidare “ la campagna di comunicazione che la regione Piemonte ha indetto per sensibilizzare patentati “vecchie nuovi” al rispetto del Codice della Strada e per insegnare loro tutti i segreti per non cacciarsi nei guai o fronteggiarli quando ci si imbatte in situazioni pericolose. L’obiettivo è quello, per la regione Piemonte, di dimezzare, entro il 2010, il numero di incidenti, perfettamente in linea con analogo sforzo messo in atto dalla Comunità Europea.

    “I risultati raggiunti nella precedente edizione sono incoraggianti – ha dichiarato l’Amministratore Delegato di Consepi Claudio Bonansea – Tra i soggetti che hanno seguito il corso, si è registrata una diminuzione del 30% del numero di incidenti che sono calati da 110 a 77. Di questi – ha continuato – ben l’80% non ha provocato danni ad altre macchine o persone. “Guida, non lasciarti guidare” – ha concluso Bonansea – mira appunto a sollecitare un controllo più consapevole dell’autovettura che cerchiamo di insegnare ai ragazzi che frequentano i nostri corsi”.

    La Sicurezza Stradale – ha commentato l’assessore regionale ai Trasporti, Daniele Borioli – è una problematica purtroppo sempre più attuale. I Corsi di Guida Sicura sono parte di una rosa di iniziative indirizzate alla “componente uomo”, che vogliono fornire ai guidatori gli strumenti per un efficace controllo del mezzo e della strada, soprattutto in situazioni di pericolo”. “Sono principalmente tre – ha proseguito Borioli – le direzioni nelle quali stiamo lavorando per rendere più sicure le nostre strade: potenziamento delle misure di prevenzione, messa in sicurezza di strade urbane ed extraurbane, controllo e repressione di comportamenti stradali pericolosi e l’avvio di campagne e progetti per la diffusione della cultura della sicurezza stradale.

    Il compito di monitorare la situazione dell’incidentalità e di valutare i risultati delle iniziative promosse sulla rete stradale piemontese è stato affidato al Centro di Monitoraggio sulla Sicurezza Stradale, di cui fanno parte anche gli enti locali”.

    337

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Codice della stradaMondo autoSicurezza Stradale
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI