Harley-Davidson ad EICMA 2014: debutta la LiveWire [FOTO]

Ad EICMA 2014 Harley-Davidson mostrerà in anteprima europea la LimeWire, moto elettrica con motore da 75 cavalli

da , il

    Anche Harley-Davidson è pronta per EICMA 2014. Tutto è stato organizzato nei minimi dettagli e le moto da esporre alla kermesse milanese sono state scelte. Ovviamente sarà presente la gamma al completo, ed in gran cerimonia oseremmo dire, ma non manca una novità esposta in anteprima europea: la Harley-Davidson LiveWire, la prima moto elettrica proposta dal colosso americano. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

    Di tanto in tanto sentiamo qualche costruttore che produce una moto elettrica, stavolta è il turno dell’americana Harley-Davidson. La casa di Milwaukee mette da parte, stavolta, lo storico motore bicilindrico a favore di un omologo elettrico che sviluppa una potenza di circa 75 cavalli ed una coppia di 70 Nm, sufficienti ad accelerare la H-D LiveWire da 0 a 100 km/h in 4 secondi netti.

    Il design della moto è in linea con la più recente produzione Harley-Davidson, ma non poteva mancare quel tocco di originalità e “futurismo” tipico di tutti i veicoli elettrici visti finora: nello specifico è il turno di un gruppo ottico anteriore minimalista e con elementi a sviluppo verticale, affiancato da frecce integrate nelle aste di sostegno degli specchi, che a loro volta seguono una linea retta orizzontale, e da un display LCD per la strumentazione.

    Il corpo della Harley-Davidson LiveWire è stato mantenuto corto, quasi tozzo, con la coda che termina tagliata ed a punta, sopra ad un grande parafango che copre la ruota posteriore nettamente più sporgente. Vista di lato il colpo d’occhio lascia percepire che “c’è qualcosa di strano”, ed effettivamente è così: la mancanza del motore termico, sostituito da un grande pacco batterie inserito nel telaio, le dona un aspetto sicuramente più massiccio ma fa perdere l’appeal tipico delle moto di Milwaukee. La battaglia è dunque aperta tra puristi e visionari: che sia la mossa giosta per il futuro (in parte) di Harley-Davidson?