NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Honda NSX, l’usato di prestigio

Honda NSX, l’usato di prestigio
da in Auto sportive, Auto usate, Honda, Promozioni auto nuove
Ultimo aggiornamento:

    Honda NSX

    Honda NSX

    Correvano gli anni novanta e il Giappone era già noto anche in occidente per essersi fatto conoscere con le sue auto affidabili e, a quel tempo, anche economiche. E proprio nel 1991 l’ambizione nipponica portò il Paese del Sol Levante a costruire supersportive con la pretesa di rivaleggiare con le “nostre” Ferrari, progetto quest’ultimo, non del tutto portato a compimento, ma sicuramente tentato con una certa dose di successo.

    Cosicché, fu la Honda per prima a presentarsi con la NSX che, in effetti, nel design, forse in condizione di scarsa visibilità, poteva essere scambiata per qualche attimo ad una vettura, non meglio precisata, di Maranello, grazie ad una linea aggressiva ed a forme leggiadre, offerta in allestimento coupè e cabrio con tetto che era possibile asportare integralmente anche se rigido.

    Indipendentemente se l’obiettivo dei giapponesi era quello di scimmiottare in qualche modo le Ferrari e fors’anche le Porsche, non si può negare che il propulsore sei cilindri era davvero prodigioso, 274 cavalli di potenza e 3,0 litri di cilindrata in grado di far balzare la vettura da 0 a 100 orari in poco meno di 6 secondi e in grado anche di far raggiungere alla vettura i 270 km/h, assistito da un ottimo cambio manuale a 5 marce in grado di consumare relativamente poco, per i tempi, vista anche la cilindrata e considerato che la NSX percorreva anche 9/10 chilometri con un litro di benzina, se consideriamo che di una vettura di sostanza si trattava, con un peso di quasi 1.400 chilogrammi e con una stazza ragguardevole: 4,43m. di lunghezza e 1,81 di larghezza.

    La NSX fu costruita in diversi allestimenti fino alla S2000 con caratteristiche più moderne, oggi trovare una NSX non è semplice ma neanche impossibile, ad un prezzo ragionevole, se consideriamo che per un esemplare in buono stato del 1991 occorrono circa 25.000 euro, non pochissimi, ma parliamo di un’auto molto particolare che all’epoca riusciva a costare anche 130/140 milioni di vecchie lire. Un ultimo esemplare, invece, di 7/8 anni di vita, prima che la vettura fosse pensionata, può arrivare a costare anche 50.000 euro, in quest’ultimo caso parliamo di un modello con un propulsore leggermente diverso dal precedente 3,0 litri ma con non troppe differenze rispetto a quello e fatto oggetto, a fine carriera, di un leggero restyling che ne han fatto, in qualche modo la differenza.

    Dalla sua, il vantaggio di una linea molto occidentale e soprattutto contraddistinta da un’abitabilità e un confort ancora attuale.

    456

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto sportiveAuto usateHondaPromozioni auto nuove
    PIÙ POPOLARI