Hyundai Accent perde la coda

da , il

    Hyundai Accent

    Eccola,la nuova Hyundai Accent che ha appena perso la coda ed è pronta alla commercializzazione anche in versione 1.500 cc.

    Si presenta come una gradevole due volumi dalla linea sportiva e forse poco personale, rispetto alla tre volumi dalla quale deriva e rispetto alla quale è più corta di una ventina di centimetri, nell’abitacolo.

    La filosofia del costruttore coreano è quella di voler puntare su una vettura che possa soddisfare le esigenze di un mercato come quello europeo, italiano in particolare, più favorevole verso le auto a due volumi, rispetto alle tre.

    Ma c’è di più, la nuova Accent, che si avvarrà di brillanti propulsori, anche diesel, di 1.500 cc., capaci di erogare 110 cavalli di potenza e 1.400 a benzina da 97 cavalli, presenta un confort un po’ sui generis, per effetto del tipo di sospensioni di cui si avvale la vettura, che tendono a far “coricare” un po’ troppo la Accent, pur non rappresentando, questo fenomeno, alcun problema particolare per la sicurezza, visto che la vettura si dota, anche di serie, di importanti sistemi per la tranquillità di guida come l’ABS e l’EBD.

    Peccato, invece, che la Accent, sotto questa nuova veste, si presenti con una dotazione non particolarmente entusiasmante, per via di interni ridotti un po’ all’osso; niente navigatore satellitare, impianto radio da pagarsi a parte, climatizzatore, idem, al punto che, se la coreana non avesse come punto di forza il prezzo concorrenziale farebbe davvero fatica a fronteggiarsi con la concorrenza.

    E, invece, grazie ad una politica commerciale “intelligente”, la nuova Accent si presenta sul mercato come un’auto nel complesso valida ad un prezzo sicuramente contenuto, 16.000 euro, sufficienti per farla restare a “galla”!