NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Idrogeno: prima stazione di servizio a Milano

Idrogeno: prima stazione di servizio a Milano

Non significa che abbiamo adesso le auto ad idrogeno, semmai l’idrogeno servirà per sporcare meno l’ambiente partecipando ad una riduzione delle emissioni di Co2 di circa l’11% rispetto al metano e del 34% rispetto alla benzina

da in Blocco traffico, Mondo auto
Ultimo aggiornamento:

    stazione servizio

    Non si può dire che Milano si sia dimostrata una città virtuosa nel combattere l’inquinamento atmosferico, anzi, la necessità di intervenire nei giorni di picco, con provvedimenti drastici e antipopolari, avrebbe dimostrato come il capoluogo lombardo di strada ne debba ancora fare ancora parecchia per potersi definire una metropoli moderna anche sotto l’aspetto ambientale e l’attenzione di tali problemi da parte delle Amministrazioni pubbliche.Tuttavia il capoluogo lombardo è voluto andare un po’ in controtendenza rispetto a quanto fatto fino adesso.

    E’ stata infatti accolta l’apertura della prima pompa di erogazione di una miscela, metano-idrogeno, opportunamente piazzato sulla tangenziale ovest in prossimità dell’Holiday-Inn di Assago, Milano e non solo.Proprio per contrapporsi all’inquinamento ambientale, il Comune di Milano informa che saranno ben 30 i nuovi impianti che da qui al prossimo 2012 saranno attrezzati all’erogazione di tale miscela, del resto lo prevede anche il protocollo d’intesa firmato da Roberto Formigoni, presidente uscente di Regione Lombardia, e da Angelo Caridi, direttore generale Refining & Marketing di Eni, ciò deve leggersi nei numeri un impianto ogni 45 mila abitanti e ogni 30 km di autostrade.

    Non significa che abbiamo adesso le auto ad idrogeno, semmai l’idrogeno servirà per sporcare meno l’ambiente partecipando ad una riduzione delle emissioni di Co2 di circa l’11% rispetto al metano e del 34% rispetto alla benzina.

    Formigoni si è dichiarato “soddisfatto” per l’accordo raggiunto: “Il protocollo è il frutto concreto di uno sforzo comune che ha visto impegnati da una parte l’Istituzione regionale e dall’altra l’Eni.

    Per limitare l’inquinamento il governo regionale ha deciso anche di valorizzare il metano quale combustibile a basse emissioni di inquinanti”.Secondo Formigoni, va in questa direzione la scelta di dotare “di colonnine di metano tutte le future aree di servizio delle prossime autostrade, come Brebemi, TEM, Cremona-Mantova e Broni -Mortara”. Infine, dopo l’inaugurazione del primo distributore in Italia a miscela metano/idrogeno, si prevede l’apertura di una seconda stazione di servizio a Monza e la messa in strada di 20 Panda bifuel metano/benzina adattate a funzionare anche a metano/idrogeno.

    409

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Blocco trafficoMondo auto
    PIÙ POPOLARI