Il furto d’auto un dramma sociale

Il furto d’auto un dramma sociale
da in Furti auto, Mondo auto
Ultimo aggiornamento:

    Il furto d' auto piaga sociale

    In Italia, l’ anno scorso, si sono consumati 182.500 furti d’auto, uno ogni tre secondi circa. Il fenomeno criminale, che tuttavia sta subendo un calo dovuto ai sofisticati sistemi d’ allarme è pur sempre un’ evenienza frequente e questo induce a tracciare un profilo, dell’ appartenente tipo, ad una “ professione “, quella del topo d’auto, che non conosce tramonti ma che, anzi, è pur sempre fiorente e particolare. Ma chi è il “ topo d’ auto “ ?

    Nel 90/95% dei casi, ad abbracciare questo “ lavoro “ è un maschio, quasi sempre giovane. Fare il topo d’auto è un’ attività che implica dispendio d’ energia che mal si concilia con la tarda età, motivo questo, per attaccare il grimaldello al chiodo, superati i 45/46 anni. Come tante altre attività, anche gli autori del furto d’auto hanno subito una trasformazione radicale col tempo. Oggi, chi ruba un’auto, a meno che non faccia parte di grandi organizzazioni malavitose esperte nel neutralizzare sofisticati sistemi d’allarme, di ultima generazione, è quasi sempre uno sbandato, spesso tossicodipendente, plurirecidivo, che opera con attrezzi artigianali, vecchi cacciaviti o arnesi spuntati e, per lo più, dopo aver tentato il colpo è costretto a rinunciarvi perché non in grado di neutralizzare, spesso, un modesto antifurto, con i danni che conseguono. I tempi dell’ Arsenio Lupin, ladro gentiluomo, che con astuzia e bravura si impossessava della vettura che avevamo appena lasciato sotto casa, sono finiti. A compiere il furto d’auto, a quel tempo, non era un ragazzino di borgata, ma un uomo maturo di oltre 35 anni d’ età che operava dignitosamente, in genere per mandare avanti la propria famiglia. Il topo d’auto di una volta, non improvvisava il colpo, ma lo faceva studiando le abitudini del proprietario e, in genere, quando qualcosa andava storta ed era costretto a rinunciarvi, l’ auto non subiva danni particolari e costosi.

    A rendere più difficile lo scenario attuale, le organizzazioni malavitose che oggi si avvalgono anche di exstracomunitari da adibire quale manovalanza. Un’ occasione, anche se deprecabile, per questa gente, di dare un destino diverso alla propria esistenza.

    D’ altro canto a rubare un’ auto si commette un reato che difficilmente prevede una pena lunga da scontare. Il patteggiamento davanti al giudice riesce a far uscire, o a non fare neanche entrare, in galera, gli autori di questi reati, anche se recidivi, perché, caduta l’ aggravante del furto su commissione, per merito degli avvocati penalisti che durante il dibattimento in aula adducono diverse motivazioni di tipo sociale umanitario, all’ origine del delitto, le attenuanti finiscono per superare di gran lunga le circostanze che avrebbero reso più grave il reato. Così, spetta al magistrato l’ applicazione delle pene che, anche alla luce di una visione moderna della condanna da infliggere, più volta alla rieducazione che alla punizione del reato commesso, emette un verdetto che implica una pena quasi sempre lieve.

    Tutto ciò, dovrà far riflettere molto sulla esistenza di una piaga che affligge la moderna società e che si riverbera, negativamente, su coloro che con l’ auto ci lavorano e non sempre sono in grado di sopportare il costo del danno subito, quando le stesse assicurazioni a cui si sono rivolte per tutelarsi finiscono per non ripagare il danno o pagarne una piccola parte. Spesso, vittime di questi reati, sono le stesse persone che non sempre sono in grado di sobbarcarsi i costi di tecnologie moderne contro il furto. Per questo, pur non potendo annoverare questo reato fra quelli odiosi e ributtanti per la collettività, il furto d’ auto ricade sulla gente comune e, spesso meno abbiente, creando quelle stesse condizioni di disperazione che, alla larga, sono state, in un’ ottica diversa, all’ origine del crimine che si vuole perseguire. In una logica di disagio esistenziale fra ladro e derubato, spesso lo stesso destino, sia pure da angolazioni diverse, unisce le due figure, le une alle altre, vittime inconsapevoli di un degrado ambientale che nelle esasperazioni estreme finisce col cambiare l’ esistenza di quanti ne vengono coinvolti, a qualunque livello sociale si trovino.

    691

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Furti autoMondo auto
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI