In sette su un’auto per cinque, si puo’? Si!

In sette su un’auto per cinque, si puo’? Si!
da in Codice della strada, Mondo auto, Sicurezza Stradale
Ultimo aggiornamento:

    Si fa un gran parlare di sicurezza in auto, eppure, siamo sicuri che per i bambini, quando siano essi stessi viaggiatori in vettura, si agisca al meglio? I dubbi in tal senso restano, tuttavia, senza voler affrontare l’argomento con quella completezza che invece meriterebbe, un dubbio sull’attuale normativa che regolamenta i tragitti dei piccoli viaggiatori su quattro ruote, resta!

    Il dubbio parte dal presupposto che in un’auto omologata per 5 persone, ne possano viaggiare anche 7, quando, almeno due, sono rappresentati da bambini di età minore di 10 anni di vita; ma a questo punto ci si chiede, come è possibile che il Codice abbia lasciato uno strappo normativo così grave, atteso che prevede che ogni viaggiatore sia saldamente allacciato con una cintura di sicurezza e in un’auto omologata per cinque persone esistono soltanto 5 attacchi?

    Il buco normativo ci è stato fatto notare dall’UE che ha imposto all’Italia di adeguarsi anche in tal senso, entro l’ottobre del 2009, data in cui, non potranno più viaggiare in auto passeggeri al di sotto dei 10 anni d’età, se non anch’essi stabilmente ancorati ai sedili.

    Per quanto attiene invece i piccoli passeggeri al di sotto dei 3 anni d’età, per quanto esista la norma che obbliga gli adulti a sistemare i bambini in appositi seggiolini, non si può non notare che ancora su questo capitolo occorrerebbe fare un po’ più di chiarezza; in atto quel che è certo è che, in materia di seggiolini, l’attuale normativa li divide in Gruppi, cui i genitori devono prestare molta attenzione, al di là della multa cui andrebbero incontro, soprattutto per la sicurezza dei propri figli. Così come, è vietato porre il seggiolino rivolto all’indietro rispetto all’airbag frontale se non attivato.

    Irrisoria invece la multa prevista per i trasgressori che si limita a soli 70 euro in caso di mancato ancoraggio del seggiolino e, ancor peggio, di trasporto in maniera irregolare e pericolosa del piccolo passeggero, sicuramente, per i guai cui si potrebbe incorrere in fatto di mancato adeguamento alle norme, in netta discrepanza con altre sanzioni previste dal Codice della Strada, sarebbe stata auspicabile maggiore sanzione.. Infine, occorre far chiarezza in fatto di responsabilità in auto, quando vi sia presenza di minori.

    La Legge prevede che sia responsabile di eventuali danni ai bambini il conducente, alla stregua di qualsiasi altro passeggero, tuttavia, un’eventuale responsabilità in solido potrebbe assumere l’adulto esercente la patria potestà sul bambino, quando non si sia prodigato al massimo, nel rendere sicuro il viaggio del minore a lui affidato.

    425

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Codice della stradaMondo autoSicurezza Stradale

    Salone di Ginevra 2017

     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI