Incidenti stradali: aumentano i pirati della strada

I pirati della strada sono aumentati; dal 2008 al 2009 si è verificato il 49% in più degli incidenti stradali

da , il

    incidenti stradali

    Gli italiani sono più disciplinati all’estero, o almeno così si dice. Certo, non lo sono tra le “mura domestiche”. Qui in Italia il numero dei pirati della strada è aumentato, o meglio sono aumentati gli incidenti stradali a loro attribuiti. Nel 2009 si sono verificati ben 482 casi di pirateria stradale. L’aumento rispetto al 2008 è del 49,2%, tenendo conto che in quell’anno ne sono stati contati 323.

    O sono tutti impazziti, o la crisi ha aumentato il ritmo di vita. Il tempo è denaro, non si guarda più in faccia a nessuno, né al pedone né al semaforo.

    A divulgare i dati è l’Osservatorio Centauro-Asaps, che dipinge un quadro per niente esaltante. A dispetto delle varie iniziative promosse da organi pubblici e privati a favore della sicurezza stradale, sembra che la sensibilizzazione della popolazione sul tema non sia cosa facile.

    Anche la campagna “Io dissuado“, con i mezzi di cui disponeva non è riuscita a ottenere la visibilità desiderata. Di questi 482 pirati, il 24,5% è riuscito a svignarsela nel più totale anonimato, mentre il restante 75,5% dei malfattori è stato colto con le mani al volante.

    Purtroppo le pene per questo tipo di reato non sono così deterrenti. Solo chi provoca un incidente mortale e si macchia di omissione di soccorso riesce a incorrere in una pena severa, in poche parole nella reclusione effettiva. Dalle statistiche sugli incidenti stradali emergono altri dati: nel 2008 il numero dei morti è stato di poco più elevato (93 contro 91), mentre i feriti sono aumentati nel 2009.

    La causa principale delle disattenzioni è l’abuso di sostanze che alterano la percezione alla guida, come alcol e droghe.