Motor Show Bologna 2016

Indennizzo Diretto: cosa cambia realmente

Indennizzo Diretto: cosa cambia realmente
da in Assicurazione auto
Ultimo aggiornamento:

    Cambia tutto con l'indennizzo Diretto

    Una vera rivoluzione copernicana quella che ha visto stravolgere il settore RC-Auto con l’introduzione della nuovissima procedura relativa all’Indennizzo Diretto.

    Un tempo e comunque prima del 1° febbraio 2007, chi restava coinvolto in un incidente stradale, veniva risarcito dalla controparte, nel caso si dimostrasse la sua ragione. Ma adesso le cose sono cambiate, con l’Indennizzo Diretto, in caso di sinistro, è la nostra stessa Compagnia a risarcirci il danno, ciò apporta notevoli vantaggi all’assicurato, uno fra tutti, godere di un trattamento privilegiato per il solo fatto che ci rivolgiamo alla stessa Compagnia alla quale corrispondiamo i premi di assicurazione.

    Quello che a noi oggi tocca sapere è vedere cosa cambia con la nuova procedura, che affrontiamo, passo, passo, in questi punti:

    a) In quali casi si applica la nuova procedura:
    L’Indennizzo Diretto trova applicazione per quegli incidenti avvenuti dopo il 1° febbraio 2007, laddove siano rimasti coinvolti 2 autoveicoli, compresi i casi in cui gli occupanti delle vetture hanno sofferto danni fisici, qualora il grado di invalidità permanente non superi il 9% e i mezzi coinvolti siano identificabili e immatricolati in Italia o nello Stato di San Marino o nella Citta del Vaticano.

    B) Cosa fare per attivare la procedura di Indennizzo Diretto:
    L’ assicurato coinvolto in un sinistro dovrà inviare una Raccomandata A.R. alla propria compagnia di assicurazione indicando i nomi degli assicurati, le targhe di tutti gli autoveicoli coinvolti nel sinistro, eventuali testimoni presenti, le diverse Compagnie di assicurazione, così come, dovrà far riferimento all’eventuale intervento della Forza Pubblica, se c’è stato, oltre a presentare eventuali referti medici, se a seguito dell’incidente fu fatto ricorso al Pronto Soccorso.

    C) Quando la Compagnia riceve la denuncia provvede a richiedere eventuali altri documenti mancanti e concorda con l’assicurato i termini della perizia laddove vi sia possibilità di visionare il mezzo danneggiato. Qualora la Compagnia stessa ritenesse che il sinistro non sia inquadrabile nei casi previsti per l’attivazione dell’Indennizzo Diretto, darà immediatamente riscontro all’assicurato.

    D) Tempi del risarcimento
    Se vi è accordo tra le parti, la Compagnia attiva la procedura risarcitoria entro 30 giorni dal ricevimento della raccomandata, 60 quando non v’è stata constatazione amichevole di incidente, mentre sono 90 i giorni di tempo che la Compagnia si prende in caso di lesioni delle persone.

    Fermi questi tempi, la Società assicurativa liquida il danno entro 15 giorni.

    Importante è il fatto che non è riconosciuta più alcuna spesa o costo per eventuali consulenti o periti di parte, fatta eccezione per le spese di natura medico-legale, ciò, quando il risarcimento avviene nei tempi pattuiti. Qualora l’assicurato non riceva quanto a lui spettante entro il periodo previsto o quando il risarcimento sia minore delle proprie aspettative, ha la possibilità di rivolgersi al Giudice di Pace, purchè l’importo del danno non superi i 15.000 euro, in questa evenienza , in caso di accoglimento dell’istanza e di vittoria in giudizio, potrà vedersi riconosciute eventuali spese riferite a consulenti o periti interpellati.

    Nel caso di danni ad eventuali Terzi Trasportati, questi verranno risarciti dalla Compagnia che ha assicurato il mezzo sul quale egli viaggiava, indipendentemente dall’eventuale responsabilità o meno, del guidatore nel sinistro stesso. Resta invariata la procedura con il Modulo Blu, soprattutto quando questi assolva alla funzione di constatazione amichevole di sinistro. Poiché lo stesso può essere consegnato, anche brevi manu, all’assicuratore, assolvendo agli stessi compiti della Raccomandata A.R., in questo caso, raccomandiamo, di farsi sempre rilasciare una ricevuta di presa consegna del citato modulo.

    617

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Assicurazione auto

    Motor Show Bologna 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI