Salone di Parigi 2016

Infiniti Q50 2016: motori, novità e scheda tecnica [FOTO e VIDEO]

Infiniti Q50 2016: motori, novità e scheda tecnica [FOTO e VIDEO]
da in Auto 2016, Auto Ibride, Auto nuove, Berline, Infiniti, Infiniti Q50, Video Auto
Ultimo aggiornamento: Martedì 13/09/2016 17:23

    Infiniti Q50 2016

    Non è esattamente un restyling, men che meno un facelift, quello di Infiniti Q50 2016. Si tratta, piuttosto, di un arricchimento dell’offerta, con il marchio di Hong Kong che interviene per migliorare la dotazione di accessori, affinare la tecnologia pionieristica del Direct Adaptive Steering e introdurre un nuovo motore dalle prestazioni molto elevate. Si tratta di un sei cilindri a V, 3 litri di cilindrata e due turbocompressori a spingere in alto la potenza: 405 cavalli con 475 Nm. Con la Q50 Eau Rouge finita in un cassetto, siamo innanzi alla più potente delle Q50 disponibili.

    Interni di Infiniti Q50 2016

    Confermati tutti gli altri motori, dal 2 litri turbo benzina da 211 cavalli al 2.2 litri turbodiesel 170 cavalli, entrambi di derivazione Mercedes. Anche la variante ibrida resta in gamma, un V6 3.5 litri abbinato a un motore elettrico, per complessivi 364 cavalli. E’ sulle versioni più potenti che troveremo, offerto di serie, il Direct Adaptive Steering, modificato nella logica di funzionamento, affinata dopo oltre 1 milione di km guidati su strada. Si è cercato di rendere la trasmissione di ciò che accade tra ruote e asfalto, più fedele possibile sul volante. Ricordiamo che si tratta di un dispositivo con due attuatori elettrici sulla cremagliera, che sostituiscono il movimento del piantone (presente per ragioni di sicurezza e attivato da una frizione in caso di malfunzionamento del sistema elettrico), trasferendo l’angolo di sterzo impartito con il volante alle ruote, variando conseguentemente il rapporto di demoltiplicazione a seconda dei frangenti di guida: più sportiva, cittadina, autostradale. Un sensore legge le forze G laterali e longitudinali, tra gli altri parametri tenuti in considerazione per calibrare la direzionalità dello sterzo.

    Il selettore delle modalità di guida guadagna la modalità Sport+, che rende cambiate (cambio doppia frizione 7 marce di serie per tutte le Q50), la risposta del motore, la taratura delle sospensioni (adattive quelle Dynamic Digital Suspensions) e del volante, più dinamica possibile, a meno di non voler tarare ogni parametro singolarmente, ricorrendo alla Personal Mode. Le barre stabilizzatrici sono state riviste sul model year 2016 e una nuova funzione è stata resa possibile, implementando il Direct Adaptive Steering con l’Active Lane Control, l’assistente al superamento involontario di corsia: in caso di vento laterale o asfalto deformato, l’elettronica riconosce la variazione di traiettoria e tiene l’auto all’interno della carreggiata, evitando sbandamenti.

    Per arricchire di contenuti Infiniti Q50, una serie di accessori opzionali entrano a far parte del pacchetto Premium Plus Package (a richiesta): c’è la cambiata automatica regolata sul percorso, ricavando le informazioni dal navigatore satellitare, ci sono i servizi informativi SiriusXM Traffic, un anno di abbonamento per l’infotainment connesso Infiniti InTouch, poi volante e sedili riscaldabili, con regolazioni elettriche e memoria per le sedute, nonché funzione accesso e uscita facilitati; specchietti oscuranti in automatico, con regolazione elettrica e memoria; comandi vocali. Migliorata la dotazione anche del Technology Package e del Drive Assistance Package.

    La Infiniti Q50, berlina tre volumi di segmento D, ha rimpiazzato la serie “G”. Il brand di lusso del gruppo Renault-Nissan l’ha svelata in un primo momento all’anteprima mondiale al Salone di Detroit 2013 e poi a quello di Ginevra con un nuovo motore diesel 4 cilindri 2.2 litri. Esteticamente la vettura si caratterizza per linee morbide e piacevoli, in pieno stile Infiniti.

    Il frontale adotta il nuovo corso stilistico dell’azienda, che prevede una grossa mascherina con trama a nido d’ape schiacciata ai lati, che in un certo senso ricorda vagamente la soluzione a clessidra adottata su tutte le più recenti Lexus. I gruppi ottici sono abbastanza sottili e dallo “sguardo” aggressivo con tanto di luci diurne a LED, oramai un must su una vettura di questo tipo. La fascia paraurti ha uno stile non altrettanto elegante quanto il resto, ma comunque aggressivo e piacevole. Le fiancate si caratterizzano per un gioco di bombature ed incavi molto piacevole e personale, ma anche per il particolare taglio dei finestrini nella parte posteriore, sottolineato ancora meglio da una cromatura. Tipicamente Infiniti, invece, il posteriore, dove troviamo dei fanali a sviluppo orizzontale uniti tra di loro da una sottile barra cromata e sormontato da una sorta di protuberanza del baule posteriore, che vuole sembrare un accenno di spoiler.

    Molto curati ed eleganti gli interni. La plancia ha un aspetto moderno, con una console centrale molto ricca di comandi quasi tutti touch, sulla quale spicca il sistema multimediale “Infiniti InTouch”. Finiture in alluminio satinato si alternano a particolari in nero lucido, mentre il tunnel centrale ed i pannelli porta sfoggiano delle piacevoli modanature in legno.

    Dati tecnici

    Le dimensioni sono piuttosto generose: parliamo di una lunghezza di 4.79 metri, 1.82 metri in larghezza, un’altezza di 1.45 metri, il tutto accompagnato ad un passo di 2.85 metri. Stando a quanto dichiarato da Infiniti, il coefficiente di penetrazione dell’aria è pari a 0.26. Sul mercato italiano è proposta con quattro motorizzazioni: un ibrido a benzina da 3.5 litri capace di una potenza di 364 cavalli (268 kW) dato anche il motore elettrico da 67 cavalli e 269 Nm di coppia. In un secondo momento ha debuttato anche un 2.0t da 211 cavalli, un propulsore con alimentazione a benzina capace di toccare i 245 chilometri orari e di scattare da 0 a 100 in 7,2 secondi proponendo consumi medi attorno ai 15,5 chilometri con un litro, autonomia media di 1250 chilometri con un pieno ed emissioni pari a 150 grammi di CO2 per chilometro. Oltre a questo troviamo un 3.0t da 405 cavalli con prestazioni che lo fanno arrivare ad un tetto massimo di 250 chilometri orari con scatto 0-100 in 5,1 secondi, consumi attorno agli 11 chilometri con un litro ed emissioni di 206 grammi di CO2 per chilometro. Inoltre questa berlina è proposta anche con motorizzazione diesel: si tratta di un 2.2d da 170 cavalli di potenza massima (125 kW) in grado di raggiungere una punta massima di 230 chilometri orari e scattare da 0 a 100 in 8 secondi e mezzo (dati delle versioni con cambio automatico), altrimenti 231 km/h di punta massima e scatto da 0 a 100 in 8,7 secondi per quelle con cambio manuale. I consumi dichiarati parlano di una media percorrenza di 22.2 chilometri con un litro di carburante per un viaggio massimo, con un pieno, di 1554 chilometri in condizioni ideali e emettendo nell’ambiente 116 grammi di anidride carbonica.

    Per le versioni ibride a benzina il cambio è un automatico sequenziale a sette rapporti con paddles al volante, mentre la trazione può essere sia posteriore che integrale. Per quelle diesel, invece, è disponibile l’abbiamento al cambio manuale a sei marce o altrimenti l’automatico sequenziale sette rapporti in opzione a 2.200 Euro. Trazione integrale disponibile solo per le versioni ibride.

    Meccanica e tecnologia

    Il pianale prevede delle raffinate sospensioni Multilink con molle elicoidali al posteriore, realizzate in alluminio. Lo sterzo a cremagliera, servoassistito elettricamente, sfoggia il sistema Direct Adaptive Steering, grazie al quale in base alla velocità varia il rapporto di demoltiplicazione, rendendo il comando più o meno diretto. Quattro le modalità di guida, che vanno ad incidere sul set up di sterzo e cambio.

    Un’altra novità riguarda l’Active Lane Control, che migliora il “vecchio” Lane Departure Prevention leggendo la strada tramite dei sensori. In questo modo non avverte solo il conducente in caso di superamento della linea di carreggiata, ma agisce direttamente sul volante mediante leggere correzioni.

    L’Infiniti Q50 è una rivale di vetture come Bmw Serie 3, Mercedes Classe C o Audi A4.

    Equipaggiamento di serie e allestimenti

    Uno solamente l’allestimento per le versioni ibride, tre invece per quelle a gasolio: l’entry-level, il Premium e lo Sport. Di serie per tutti i modelli si trovano gli airbag per la testa, antifurto, attacchi isofix, chiave elettronica, climatizzatore automatico bizona, controllo dell’antiarretramento in fase di salita, cruise control, fendinebbia, radio con lettore CD, MP3 presa Aux, Usb e connessione Bluetooth, regolazione manuale della risposta del motore, del cambio e del servosterzo, sedili in pelle e quelli anteriori riscaldabili ma non per l’entry-level, infine telecamera posteriore.

    Optional e pacchetti

    In opzione ci sono l’antifurto a ultrasuoni a 400 Euro, appunto il cambio automatico che anticipavamo a 2.200 Euro, cerchi in lega da 18 pollici a 1.000 Euro per le Premium e non per la “base”, altrimenti quelli da 19 pollici a 1.000 Euro per le Premium Tech e sono di serie per le Sport e Sport Tech, inserti in legno a 400 Euro per le Premium e Premium Tech, in alluminio a 300 Euro per le Premium e Premium Tech, non per le “base” e di serie per le altre, navigatore satellitare a 2.400 Euro per la “base” e Premium, di serie per le Premium Tech e Sport Tech, sedile posteriore frazionato a 400 Euro per le “base” ma non per Hybrid e di serie per le altre, tetto elettrico in vetro a 1.100 Euro ma non per la “base” e vernice metallizzata a 1.000 Euro. Molteplici i pacchetti come il Comfort a 800 Euro per le “base” e di serie per le altre, Multimedia a 3.200 Euro per le Sport ma non per la “base” e di serie per le altre, Steering a 1.000 Euro per Premium Tech e di serie per Sport e Sport Tech, Visibility a 1.300 Euro per Premium e Sport e di serie per Premium Tech e Sport Tech, infine il Welcome a 1.500 Euro per la Premium, non per la “base” e di serie per le altre.

    Listino prezzi

    Benzina:

    Auto motore Cavalli Allestimento Trasmissione Prezzo
    Infiniti Q50 2.0t 211 cavalli Premium automatica 45.600 Euro
    Infiniti Q50 2.0t 211 cavalli Sport automatica 50.100 Euro
    Infiniti Q50 2.0t 211 cavalli Premium Tech automatica 53.550 Euro
    Infiniti Q50 2.0t 211 cavalli Sport Tech automatica 56.100 Euro
    Infiniti Q50 3.0t 405 cavalli Sport automatica 56.950 Euro
    Infiniti Q50 3.0t 405 cavalli Sport Tech automatica 62.950 Euro

    Ibrida a benzina:

    Auto motore Cavalli Allestimento Trasmissione Prezzo
    Infiniti Q50 S Hybrid 364 cavalli Sport automatica 56.950 Euro
    Infiniti Q50 S Hybrid 364 cavalli Sport Tech automatica 62.950 Euro
    Infiniti Q50 S Hybrid 364 cavalli Sport automatica AWD 59.500 Euro
    Infiniti Q50 S Hybrid 364 cavalli Sport Tech automatica AWD 65.500 Euro

    Diesel:

    Auto motore Cavalli Allestimento Trasmissione Prezzo
    Infiniti Q50 2.2d 170 cavalli Normal manuale 38.950 Euro
    Infiniti Q50 2.2d 170 cavalli Premium manuale 42.250 Euro
    Infiniti Q50 2.2d 170 cavalli Sport manuale 46.750 Euro
    Infiniti Q50 2.2d 170 cavalli Premium Tech automatica 52.400 Euro
    Infiniti Q50 2.2d 170 cavalli Sport Tech automatica 54.950 Euro

    1891

    Salone di Parigi 2016

    ARTICOLI CORRELATI