Salone di Parigi 2016

Inquinamento: Associazioni Consumatori contro Case automobilistiche

Inquinamento: Associazioni Consumatori contro Case automobilistiche

E se aggiungiamo a quest’ultima constatazione, l’altra che rileva che le auto vendute hanno consumi ben diversi da quelli dichiarati dai produttori, ci rendiamo conto che le regole di trasparenza sono del tutto disattese dalle Case automobilistiche

da in Associazioni Consumatori, Blocco traffico, Mondo auto
Ultimo aggiornamento:

    inquinamento auto

    Scendono in campo le Associazioni dei Consumatori e minacciano una class action contro le Case automobilistiche nei confronti delle quali si sarebbe scatenata una vera e propria campagna mediatica per denunciare l’abitudine dei costruttori di dichiarare emissioni di Co2 ben al di sotto di quanto effettivamente le auto da loro prodotte emettano; per prima a scendere in campo, fra i Consumatori, è l’Adoc che preannuncia una battaglia serrata ed una denuncia all’Antitrust per pubblicità ingannevole.

    “E’ gravissima la falsificazione dei dati CO2 da parte delle case automobilistiche - dichiara Carlo Pileri, presidente dell’Adoc - che dichiarano un valore di emissione inferiore alla realtà. Dato che il valore delle emissioni di anidride carbonica costituisce la base degli Standard Euro sulle emissioni inquinanti, chiediamo che questi vengano immediatamente aboliti, in quanto la normativa, all’atto pratico, risulta vuota di significato e dannosa per i consumatori”. Oltretutto si profila una sorta di raggiro nei confronti degli automobilisti che hanno effettuato un vero e proprio investimento nell’acquisto di un’auto, magari, fra l’altro, nella convinzione di aver acquistato una vettura a basso impatto ambientale.

    E se aggiungiamo a quest’ultima constatazione, l’altra che rileva che le auto vendute hanno consumi ben diversi da quelli dichiarati dai produttori, ci rendiamo conto che le regole di trasparenza sono del tutto disattese dalle Case automobilistiche. “Sul libretto di circolazione vengono dichiarati consumi non reali e non ottenibili, violando di fatto il contratto d’acquisto – conclude Pileri – attraverso una completa mancanza di trasparenza e corretta informazione verso i consumatori.

    Per questo stiamo valutando, con il nostro pool di avvocati, la possibilità di intentare una class action contro le compagnie automobilistiche e di denunciare le stesse all’Antitrust per pubblicità ingannevole. Non c’è nulla di realmente “ecologico” nei nuovi modelli messi in commercio, una truffa bella e buona a danno degli ignari cittadini”.

    361

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Associazioni ConsumatoriBlocco trafficoMondo auto Ultimo aggiornamento: Domenica 05/07/2015 10:20

    Salone di Parigi 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI