Inquinamento: i filtri antiparticolato dei motori diesel

Inquinamento: i filtri antiparticolato dei motori diesel

L'inquinamento si può combattere nei motori diesel coi filtri antiparticolato

da in Auto nuove, Blocco traffico, Meccanica automobilistica, Mondo auto, Motori auto
Ultimo aggiornamento:

    Inquinamento motori diesel

    L’inquinamento dell’aria dipende molto dalle emissioni nocive causate dalle automobili e dai loro carburanti. Numerosi test di laboratorio stanno esaminando i reali parametri da rispettare a livello europeo, in base alla ormai famosa sigla Euro 5. per quanto riguarda i motori con alimentazione a gasolio, le nuove tecnologie hanno portato a fabbricare dei filtri per ridurre lo scarto prodotto dall’alimentazione, cioè i fumi. Oggigiorno le case automobilistiche hanno prodotto i filtri con sigla FAP e DPF. Queste indicano i due sistemi di filtraggio antiparticolato dei gas di scarico dei motori diesel.

    Non si tratta di un semplice filtro ma di un sistema applicato sui motori diesel che, a differenza dei motori a benzina, presentano il problema delle polveri sottili, le cosiddette PM 10. Nel sistema FAP le emissioni sono filtrate, raccolte ed infine bruciate ad una temperatura di 450 gradi, ogni 300-500 km, liberando il catalizzatore nel momento in cui l’auto supera una certa velocità.

    Inquinamento motori diesel motore
    Nel sistema DPF, invece, le emissioni sono filtrate, raccolte e bruciate con una temperatura di 650 gradi.

    Per questi motivi, nelle autovetture moderne, alimentate a gasolio, sono molto importanti di filtri antiparticolato, in quanto riducono a tutti gli effetti l’impatto ambientale. Tale riduzione, però, non avviene sempre, ma solo in determinate condizioni di guida. L’inquinamento, quindi, è indicato dal cosiddetto fattore K: un valore che indica l’opacità dei fumi, ma non solo.

    Può indicare anche la soglia fissata dalla normativa europea e l’omologazione della relativa vettura. È importante, quindi, conoscere i livelli di inquinamento che possiamo causare, conoscendoli durante il periodo di revisione del nostro veicolo, testato con l’opacimetro, uno strumento che misura l’opacità dei fumi per determinare il livello di inquinamento del motore diesel.

    373

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto nuoveBlocco trafficoMeccanica automobilisticaMondo autoMotori auto
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI