NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Inquinamento: scende in campo la Direttiva Europea

Inquinamento: scende in campo la Direttiva Europea
da in Blocco traffico, Mondo auto
Ultimo aggiornamento:

    Giro di vite sull'inquinamento atmosferico da parte della Ue

    In primo piano fra le priorità del Governo dell’UE la direttiva europea tendente ad eliminare, prevenire o ridurre le emissioni inquinanti nell’aria negli Stati membri.

    Secondo l’eurodeputato tedesco, Holger Krahmer, il compromesso migliore è a metà strada fra le proposte avanzate quest’anno e quelle proposte dal Consiglio lo scorso 2006 e che tiene conto delle esigenze della popolazione anche in virtù delle ultime conoscenze medico-scientifiche in ambito alle emissioni inquinanti.

    Nei fatti, secondo la Direttiva Europea, gli Stati membri avranno due anni di tempo per adeguarsi ad essa e che si concretizza con l’istituzione lungo il territorio di aree di rilevamento delle emissioni di biossido di zolfo, di azoto e di particolato, nonché di benzene monossido di carbonio. Tali stazioni di rilevamento andranno istallate nelle zone urbane che abbiano una concentrazione di 250 mila abitanti, senza esclusione, anche, delle zone rurali dove dovrà esserci una stazione di rilevamento ogni 100.000 km2 .

    Questi i limiti di tolleranza
    Particelle più sottili e pericolose 25 µg/m3 a partire dal 2010, con un margine di tolleranza del 20% che dovrà essere costantemente ridotto fino a raggiungere lo 0% al primo gennaio 2015 e il valore di 20 µg/m3 da ottenere nel 2020.Particolati più grossi entro i valori attuali: 40 µg/m3 come media annua e 50 µg/m3 come media giornaliera.

    Ad essere attenzionati ed, eventualmente, fatti oggetto di intervento, le emissioni inquinanti derivanti dalle pratiche industriali, comprese quelle relative ai motori per autotrazione relativamente ai mezzi pesanti, stessa cura verrà adottata in prossimità delle stazioni eroganti carburanti.

    Sulla base di tutto ciò, verranno anche regolate le eventuali sanzioni per i trasgressori.

    Attualmente, sono state multate nazioni quali l’Italia, la Francia, la Spagna, la Slovenia ed il Regno Unito, ciò in quanto, le emissioni inquinanti di queste nazioni sono state superate le concentrazioni di anidride solforosa, dunque, biossido di zolfo e SO2 immessi nell’aria. Un fatto questo che, purtroppo, rileva come nel 70% delle città europee, laddove viva una concentrazione di 250.000 abitanti, vengono, comunemente superati valori limiti autorizzati.

    380

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Blocco trafficoMondo auto
    PIÙ POPOLARI